Prima l’inseguimento poi l’arresto della Polizia Locale.

Condividi sulla tua pagina social

Prima l’inseguimento poi l’arresto: è successo ieri mattina, in zona stazione, dove gli agenti del Nucleo Tutela Sicurezza Urbana hanno notato un giovane extracomunitario, già noto al Comando in quanto senza fissa dimora e con precedenti di Polizia, procedere contromano in piazza Garibaldi a bordo di una bicicletta di marca seminuova. Alla vista della pattuglia, il ragazzo si è dato alla fuga provando a seminare gli agenti con continue manovre a zig zag e continui cambiamenti di marcia, mettendo a repentaglio la propria incolumità e quella degli altri utenti della strada.
Dopo un lungo inseguimento è stato bloccato in via Lazzaro Cotta. Dopo aver tentato di divincolarsi ha strattonato e cercato di colpire con calci gli agenti che lo hanno prontamente immobilizzato in modo professionale evitando ulteriori e pericolose conseguenze.
Nel corso della colluttazione, gli agenti della Polizia Locale hanno avvertito un forte odore. La successiva perquisizione personale ha consentito di recuperare due panetti di sostanza stupefacente tipo hashish del peso totale di circa 80 grammi, una lama di coltello senza manico della lunghezza di 10 cm e 395 euro in contanti.
Il giovane, 18 anni, di origine egiziana, non ha fornito agli agenti motivate giustificazioni per il possesso del velocipede, di valore e di marca, così lo stesso è stato sottoposto a sequestro in quanto presumibilmente di proveniente furtiva. Il ragazzo è stato arrestato per spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale e denunciato per i reati di ricettazione e porto abusivo di strumenti atti ad offendere.
“Da tempo – spiega l’assessore alla Polizia Locale Luca Piantanida – il Nucleo Tutela Sicurezza Urbana controlla quotidianamente le zone più sensibili della città, come la stazione e i parchi, con l’obiettivo di presidiare il territorio e contrastare tutte le attività tra cui lo spaccio di sostanze stupefacenti, dando risposte concrete ai cittadini. Quella portata a termine ieri è una brillante operazione i cui risultati sono stati possibili proprio grazie ad un controllo continuativo della persona in questione, già nota alle forze dell’ordine”.