Progetti delle politiche comunitarie

Condividi sulla tua pagina social

fsfsOltre al progetto ChemLog T&T, oggetto specifico di altro documento contenente l’esplicitazione delle linee guida di questa attività tutt’ora in corso, il quinquennio 2009-2014 è stato caratterizzato da una attività particolarmente intensa dell’Assessorato alle Politiche Comunitarie, con la partecipazione a diversi programmi europei e la realizzazione di diversi progetti.

Il periodo è infatti iniziato in concomitanza con le prime fasi operative di quattro progetti che erano stati precedentemente approvati dalle autorità europee di gestione dei programmi di cooperazione internazionale:

CHEMCLUST, finanziato dal programma INTERREG 4C e relativo allo sviluppo dei poli di innovazione nell’industria chimica. Data di inizio formale gennaio 2010 e conclusione a dicembre 2012. La Provincia di Novara vi ha preso parte in qualità di partner, nell’ambito di un consorzio di progetto comprendente soggetti tedeschi, polacchi, spagnoli, cechi, inglesi, belgi. Il budget gestito dalla Provincia di Novara ammonta a € 157.000, di cui € 117.750 di contributo europeo e la rimanente parte di contributo statale.

LOSAMEDCHEM, finanziato dal programma INTERREG 4B MED, relativo al miglioramento della rete logistica e della sicurezza del trasporto di prodotti chimici nell’area mediterranea. Data di inizio formale giugno 2010 e conclusione a maggio 2013. Il ruolo svolto dalla Provincia di Novara è stato quello di leader a capo di un consorzio di partner comprendente soci italiani, sloveni, greci, maltesi, spagnoli. Il budget gestito dalla Provincia di Novara ammonta a € 224.570, di cui € 168.427,50 di contributo europeo e la rimanente parte di contributo statale.

YURA, finanziato dal programma INTERREG 4B Central Europe, relativo a tematiche demografiche e di orientamento, con la progettazione di azioni di contrasto alla migrazione di giovani altamente qualificati verso altri territori. Data di inizio formale marzo 2010 e conclusione a febbraio 2013. La Provincia di Novara vi ha preso parte in qualità di partner, accanto ad altri soggetti pubblici e privati tedeschi, austriaci, cechi, ungheresi e polacchi. Il budget gestito dalla Provincia di Novara ammonta a € 189.000, di cui € 141.750 di contributo europeo e la rimanente parte di contributo statale.

CHEMLOG, finanziato dal programma INTERREG 4B Central Europe, relativo al miglioramento del trasporto di prodotti chimici nell’Europa centro-orientale. Avviato a novembre 2008 e terminato nell’ottobre 2012. La Provincia di Novara vi ha preso parte in qualità di partner, nell’ambito di un consorzio di progetto comprendente soggetti pubblici e privati tedeschi, polacchi, cechi, austriaci, slovacchi, ungheresi. Il budget gestito dalla Provincia di Novara ammonta a € 174.000 (€ 130.500 di contributo europeo e rimanenza di contributo statale), ma grazie all’alto valore strategico riconosciuto al progetto dalle autorità di programma è stato possibile svolgere un semestre conclusivo di capitalizzazione, con una aggiunta di budget per la Provincia di Novara di € 13.700, proveniente sempre da fondi europei e statali.

PROGETTI IN CORSO

Nel quadro delle attività svolte dall’Assessorato alle Politiche Comunitarie si annoverano inoltre alcuni altri progetti attualmente in corso di svolgimento:

OPTIMIZEMED, avviato nel luglio 2013, nato come estensione di capitalizzazione del precedente progetto LOSAMEDCHEM e destinato a durare sino alla fine del 2014, è finanziato dal programma Interreg 4B MED. Il progetto riguarda l’integrazione delle banche dati dedicate al trasporto di merci chimiche nella zona del Mediterraneo. La Provincia vi gestisce un budget di € 80.000 di cui € 60.000 di contributo comunitario e la rimanente parte di contributo statale. Il ruolo esercitato è quello di  partner e viene svolto in collaborazione con: Istituto per gli Studi sui porti della Regione di Valencia (leader), Istituto del Trasporto di Hellas di Salonicco, Università dell’Egeo, l’autorità portuale del Pireo, il Consiglio delle Camere di Commercio della regione di Valencia, il Centro di Sviluppo Regionale di Capodistria, l’Istituto del Traffico e del Trasporto di Lubiana, la Camera di Commercio ed Industria di Marsiglia, la Regione Liguria, l’Autorità Portuale di Catania.

TIDES, approvato nel 2013 ed avviato nel maggio di quell’anno con ultimazione prevista nell’ottobre 2014, si differenzia dai precedenti per essere finanziato dal programma PICS, gestito dalla Direzione Generale Affari Interni (DG HOME) della Commissione Europea. La Provincia vi agisce in qualità di leader, guidando un partenariato formato da alcune ditte di ricerca operanti nel campo specifico di intervento: Novareckon ed Argonet che risiedono in Italia, la spagnola Deloitte e la francese Holmes Semantic. La Provincia gestisce un proprio budget di € 44.770, coperto per intero da contributo comunitario. L’obiettivo del progetto è quello di fornire un sistema conoscitivo dei metodi di individuazione delle minacce e di possibilità di reazione alle medesime con riferimento a possibili attacchi terroristici o criminali ad infrastrutture sensibili, quali i trasporti ferroviari di merci pericolose o i sistemi di distribuzione di gas a fini energetici.

TRIAL riguarda invece possibili attacchi terroristici o criminali alle infrastrutture che trattano prodotti chimici nelle fasi della produzione, dello stoccaggio e del trasporto, ponendosi in questo ultimo livello in stretta sinergia con il precedente progetto. Anche in questo caso il progetto fornirà elementi utili ad identificare le minacce e precise indicazioni su come prevenirle o su come intervenire in caso di evento calamitoso. La Provincia dirige il progetto con un proprio budget di € 24.880 di totale copertura comunitaria e guidando una partnership formata dalle ditte di ricerca Novareckon, Holmes Semantic, Tecnalia (Spagna) e ISW (Germania). Anche questo progetto è finanziato dal programma PICS, gestito dalla Direzione Generale Affari Interni (DG HOME) della Commissione Europea. Avviato nel maggio 2013, il progetto è destinato a durare sino all’ottobre 2014.

ALTRE ATTIVITA’

Si è inoltre collaborato alla realizzazione del progetto “Intrecci sull’acqua. Sviluppo del trasporto via acqua e delle connessioni intermodali sul tratto lago Maggiore-Ticino dell’idrovia Locarno-Milano-Venezia (acronimo TRANS-IDRO)” dell’Assessorato provinciale al Turismo, finanziato dal programma transfrontaliero INTERREG 4 A Italia-Svizzera. Il progetto riguarda il miglioramento del trasporto passeggeri sul Lago Maggiore e sul Ticino, abbinato alla promozione turistica delle attrattive della via d’acqua. La Provincia, unico soggetto italiano, lo gestisce in partenariato con il Comune di Locarno, amministrando un budget di € 455.000 di cui 303.750 di contributo europeo.

In collaborazione con l’Associazione Europea di Province Arco Latino sono stati poi realizzati due micro progetti sul tema dei centri di innovazione e del trasporto merci. Nel primo la Provincia è stata leader, in partenariato con le Province spagnole di Lerida e di Tarragona, ed ha gestito un bilancio di € 41.000 di cui € 16.887,50 assicurati da Arco Latino; nel secondo progetto la Provincia è invece stata partner (leader la Provincia di Piacenza), assieme alle Province spagnole di Tarragona, Lerida e Girona, gestendo un budget di € 16.000 di cui € 6.000 assicurati dall’Associazione.

RETI TRANSNAZIONALI
Nel periodo 2009-2014 la Provincia ha mantenuto in essere l’adesione ad alcune reti transnazionali che realizzano i seguenti scopi:

rappresentare e farsi portatrici di interessi territoriali o settoriali verso soggetti esterni;

favorire la comunicazione e l’interscambio interno per produrre progetti di collaborazione.

L’adesione riguarda le seguenti reti:

ARCO LATINO, rete di Province con presenze concentrate nell’area del Mediterraneo occidentale;

ECRN, rete dei territori europei con forti presenze di industrie chimiche;

REGIO INSUBRICA, rete delle Province italiane dei laghi prealpini occidentali e del Canton Ticino.

Ad ECRN si deve la realizzazione della maggior parte dei progetti attualmente in gestione od ultimati di recente (CHEMLOG, CHEMCLUST, YURA, CHEMLOG T&T). Altri progetti sono derivati da questi primi in termini di contenuti, pur contando su partenariati esterni alla rete (LOSAMEDCHEM, OPTIMIZEMED). E’ attiva soprattutto nel campo dell’industria chimica e delle relative politiche di trasporto, un comparto significativo sul territorio novarese che vanta per la presenza di numerose aziende e consorzi aventi rilevanza internazionale.

 

FUNZIONE DEI PROGETTI EUROPEI

L’utilità dei progetti europei può riassumersi come segue:

Si è potuta approfondire la materia oggetto del progetto in campo locale e transnazionale.

Si è data la possibilità di far lavorare presso la Provincia diversi giovani (oltre 10) i quali oltre a dedicarsi allo svolgimento dei compiti strettamente legati alla materia del progetto, hanno avuto l’opportunità di maturare una professionalità nel campo dei progetti europei .Tale professionalità risulta oggi particolarmente importante in quanto la partecipazione ai programmi europei si sta diffondendo in tutte le realtà sia degli Enti Pubblici che di quelli privati. Detta competenza, pertanto, potrà essere spesa dagli interessati anche in futuro. Hanno avuto altresì l’opportunità di conoscere la realtà dell’Ente Provincia, delle sue competenze, delle procedure da porre in essere per realizzare le diverse iniziative.

Attraverso i diversi bandi per affidare gli specifici compiti connessi ai singoli progetti, si sono coinvolti esperti e società;

Si è dato risalto alla realtà locale attraverso l’organizzazione dei diversi meeting e workshop, garantendo ai servizi ricettivi e di ristorazione ulteriori possibilità lavorative. Nel contempo si è data la possibilità di diffondere i prodotti locali e le caratteristiche del territorio.

Con l’intervento di tutti gli stakeholders locali si è fornita l’occasione di mettere in contatto le diverse realtà locali con gli Enti partner dei progetti, dando anche vita ad ulteriori forme di collaborazione.

Significativo è stato anche il ruolo svolto dagli istituti scolastici del territorio coinvolti a vario titolo nelle iniziative, in special modo tramite la partecipazione ai convegni e seminari organizzati in loco, in considerazione delle specifiche competenze di ciascuno e anche tramite l’intervento diretto per la realizzazione delle singole manifestazioni (es: istituto alberghiero con fornitura del servizio di ristorazione).