PROTEZIONE CIVILE E ASSOCIAZIONE NAZIONALE DISASTER MANAGER: IL GRUPPO SCORPION DI NOVARA AD ALESSANDRIA AL CONVEGNO “RISK INSIGHTS”

Condividi sulla tua pagina social

di Alessio Marrari

I Social Media e i Social Media Manager nelle emergenze, consigli e direttive dal Dipartimento. Evento organizzato dalla Provincia di Alessandria nella figura del responsabile di Protezione Civile Dante Paolo Ferraris. Presente Titti Postiglione, responsabile della sala operativa del Dipartimento.

Gruppo Scorpion Novara: Enzo ed Enza Righettini, Sandro Bertona, Alessio Marrari e Mirko Caledano

Gruppo Scorpion Novara: Enzo ed Enza Righettini, Sandro Bertona, Alessio Marrari e Mirko Caledano

Come anticipato nell’ultimo anno, le figure dei Social Media Manager e blogger, entità differenti rispetto a quelle dei colleghi giornalisti, in Italia, si sarebbero diffuse coinvolgendo molteplici settori, economici, sociali e, finalmente, anche quelli del volontariato vero, spesso “estremo”, quello che nella maggior parte dei casi, mette a repentaglio la propria vita per salvarne delle altre, la Protezione Civile per esempio che, ieri 01 dicembre 2012, ad Alessandria, ha organizzato un evento di importanza quasi necessaria in questo periodo storico. “Risk Insights”, la comunicazione delle emergenze nell’era del web 2.0. Sostanzialmente di cosa si è trattato? Faccio un piccolo passo indietro al recente passato per poi ricollegarmi a ciò che è stato esposto riguardo le direttive importanti che sarebbe utile seguissero anche i cittadini che si rivolgono alla Protezione Civile in caso di pericolo. Torniamo indietro al giorno del terremoto in Emilia Romagna ed a quello registrato a Mormanno in Calabria poche settimane fa.  Avviene la scossa, è quindi emergenza, la gente come si comporta? Esce immediatamente di casa e dagli edifici portando con se l’istinto di sopravvivenza e la propria vita lontano dal pericolo, linee telefoniche intasate, spesso assente la connessione internet cosa rimane per comunicare con il mondo esterno? Lo smartphone e le relative “app” che permettono di comunicare sui Social Network. Facebook e Twitter i più popolari. 

Scrivo in prima persona in quanto, sperimentato direttamente sugli stessi strumenti di comunicazione, nei giorni delle emergenze sopracitate. Le informazioni si mischiano in maniera confusa, causa panico e stato di shock nella maggior parte dei casi e, mentre su FB le informazioni sono più lente e di tipo personale, su Twitter si verifica una vera e propria “pioggia di news” da parte dei cittadini colpiti dall’emergenza ed allo stesso tempo dalla stampa professionale la quale fa di tutto per “uscire” con le notizie più esclusive. Nel caso di Mormanno sono rimasto al pc fino all’alba seguendo una radio “on web” di un noto sito di sismologia e fenomeni estremi cercando, insieme ad altri social media manager, di rimettere insieme le info principali che poi lo streaming trasmetteva alle Forze dell’ordine e la Protezione Civile sul territorio per assistere la popolazione. 

Cosa significa tutto questo? Il Convegno di ieri ne ha spiegato gli effetti traducendone, ai comunicatori del web, le direttive morali e aggiornando i presenti con nuove tecniche e modalità di intervento. Molto incisivo nel discorso Dante Paolo Ferraris, organizzatore e responsabile di Protezione Civile per la Provincia di Alessandria, dotta quanto pratica e molto chiara la lezione dl Professor Marco Lombardi docente presso L’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, orientata sul “Crisis management della comunicazione nel web”. La dottoressa Sabrina Montagna, docente persso l’Università di Torino, ha invece parlato di “Psicologia nelle emergenze. Immacolata Postiglione, responsabile di sala operativa e formatrice di comunicazione del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, è stata illuminante su ciò che riguarda la “Gestione delle emergenze e la comunicazione legata alle stesse”. Gianluca Cravera,  Newton Management Innovation presso il Gruppo 24Ore si è mostrato vero intenditore per ciò che concerne la “web reputation nell’era del web 2.0”.  Il tutto è stato coordinato da Claudio Coffano, Dirigente Direzione Ambientale e Pianificazione della Provincia di Alessandria.

Presenti esponenti della Prefettura, Carabinieri, Polizia e guardia di Finanza, gruppi di Protezione Civile da tutto il Piemonte e Lombardia, per la città di Novara, a rappresentare il Gruppo Scorpion, associazione di Protezione Civile Novarese, Sandro Bertona, il presidente ed i volontari il professor Enzo Righettini, la signora Enza Righettini, Mirko Cadelano ed Alessio Marrari aspirante volontario per lo stesso gruppo e Social Media Manager e proprietario del blog d’informazione www.cittadinovara.com, presente inoltre, Domenico Abbrescia, dirigente dei Vigili Urbani di Novara e coordinatore di Protezione Civile della città.

 

di seguito