Ribery e Benzema arrestati e, al momento, in custodia cautelare

Condividi sulla tua pagina social
Sono accusati di aver fatto sesso con una escort minorenne. Rischiano fino a 3 anni di carcere.
Sospettati di avere avuto prestazioni sessuali a pagamento con una minorenne, i calciatori della nazionale francese Franck Ribery e Karim Benzema rischiano ora l’incriminazione: sono stati fermati dalla sezione antiprostituzione della polizia francese (Brp) e posti in regime di custodia.

Il fantasista del Bayern Monaco e l’attaccante del Real Madrid sono arrivati alla sede della Brp presso l’Ile de la Cite (Parigi) questa mattina alle 9. Il mandato nei loro confronti è stato spiccato dal giudice Yves Dando in merito all’inchiesta che vede coinvolti diversi calciatori francesi di primissimo piano, accusati di frequentare le prostitute che avevano come ritrovo lo Zaman Cafe, sugli Champs-Elysees. Tra le ragazze coinvolte, il nome più noto è quello legato alle rivelazioni fornite dall’ormai famosissima Zahia D. Lo stato di custodia può essere prolungato fino a 48 ore.

Successivamente all’audizione alla quale sono stati chiamati, i due potrebbero ritrovarsi davanti al giudice istruttore per l’eventuale formalizzazione di uno stato d’accusa. Zahia aveva dichiarato di avere frequentato Ribery nel 2009 e Benzema nel 2008, ancora da minorenne, ma anche l’altro nazionale Sidney Govou (del Lione) nel marzo del 2010, quando però aveva già compiuto 18 anni.

Se i due blues dovessero essere riconosciuti colpevoli di istigazione alla prostituzione minorile, rischiano una pena fino a 3 anni di carcere e 45.000 euro di ammenda. Nel quadro della stessa indagine sono già sotto inchiesta quattro persone, tra cui il gestore dello Zeman Café, una cameriera e un uomo sospettato di aver ingaggiato le escort minorenni.