Rosmini Domodossola 78 – Oleggio Magic 84

Condividi sulla tua pagina social

(18-14, 44-28, 66-53)

DSC_4307Non è stato facile battere una Rosmini davvero agguerrita, in grado non solo di rimanere davanti per più di tre quarti della gara, ma soprattutto di essere padrona del campo almeno per le prime due frazioni, chiuse rispettivamente in vantaggio di 4 e 16 punti. Gli Squali faticano in attacco ed in difesa, senza riuscire a prendere le giuste misure ad un avversario più preciso e più presente.

Nella ripresa, dopo i primi minuti dove i padroni di casa raggiungono il massimo vantaggio sul +21, arrivano i primi segnali in casa Mamy. I biancorossi, infatti, cominciano a carburare, aggiustando la mira soprattutto dalla lunga distanza e prendendo le giuste misure in fase difensiva.

La tripla da dieci metri allo scadere del terzo quarto non è uno schiaffo abbastanza forte per stendere gli oleggesi che, anzi, rientrano in campo più carichi che mai. Impossibile descrivere quei dieci minuti arrembanti dei ragazzi di Zanotti in poche righe, né, tantomeno, con il solo parziale di 12 a 31 alla fine. Di sicuro, però, gli Squali hanno letteralmente buttato sul parquet tutto il cuore ed il talento che avevano a disposizione, ottenendo una vittoria che sembrava impossibile ad un certo punto e, proprio per questo, spettacolare. Inutile considerare i singoli: un vero ‘appassionato’ ricorderà una serata come questa ‘in toto’, senza distinzioni.

Sarebbe sicuramente riduttivo, se non azzardato, pensare di poter riassumere la partita più importante dell’anno con una sola frase. Ancora più riduttivo sarebbe pensare che un’intera stagione, con tutto il bagaglio di emozioni e sensazioni che si porta in saccoccia, possa essere raccontata con poche parole e, soprattutto, senza averla vissuta.

Eppure, nella serata del 6 Aprile 2014, ‘cui da Vlesc’ ed in generale tutti coloro che si sono ‘appassionati’ in questi anni, avranno raccolto tutto il loro tifo, la loro passione, le loro lacrime, il loro sfogo, la loro ‘fede’ cestistica in un’unica espressione: ‘Il sogno si avvera’.

Dopo un paio di giorni, tutto è sempre più chiaro. Ebbene sì, ‘Il sogno si è avverato, APPASSIONATAMENTE’.

Tabellini

Domodossola: Foti 25, Petricca 16, De Tomasi 10, Villani 9, Cerutti 11, Frank 2, Maestrone 5, Tommasiello, Maglio ne, Bregolin ne. All. Pedroni.
Mamy.eu: M. Remonti 6, P. Remonti 13, Mecca, Ferrari 19, Kapedani 8, Ragazzini, Sacco 17, Negri 4, Biganzoli 17, Marini ne. All. Zanotti.