Rugby: i ragazzi di Gica Vacaru “asfaltano” l’avversaria di turno per cinquantatre a zero

Condividi sulla tua pagina social
Gica Vacaru, tecnico Amatori Rugby Novara

Gica Vacaru, tecnico Amatori Rugby Novara

Non era certo il Piemonte, per la cronaca la squadra cadetta del Biella Rugby, che poteva mettere in dubbio il risultato. Gli uomini di Vacaru hanno infatti dominato la gara in lungo e in largo concedendo agli avversarti  due piazzati , falliti dal cecchino laniero, e sporadiche incursioni nel proprio territorio . Forti di un pack  devastante in mischia ordinata ed efficace in rimessa laterale , i padroni di casa non potevano mancare l’appuntamento con la vittoria. Il problema è stato un atteggiamento svagato e disordinato che, specie nel primo tempo , non ha fatto decollare il gioco e lievitare il punteggio a causa di errori nel ripiazzamento e nel possesso palla; aggiungiamoci qualche calcio di punizione commesso di troppo ed ecco spiegato il risicato 17 – 0 del primo tempo , con gli ospiti che ringraziano e tirano il fiato.

Vacaru rinuncia a Cravini, Ventruto e Ricotta e all’infortunato Maas per riprovare Loddo apertura ed inserire il nuovo arrivo Garufi ad estremo , mentre Vicari si riprende il posto da titolare. Il pack è affidato alle cure di capitan Viana e vede Bamba  stabile saltatore  in coppia con Colombo e la prima linea schiacciasassi  Quadraro, Cotroneo e Radaelli sempre più efficace di partita in partita.

Come detto il Novara stenta a carburare e a trovare il bandolo della meta biellese: Quirino è un po’ lento nell’esecuzione ,anche perché la ruck del Novara non è quasi mai avanzante, e la linea arretrata non trova i giusti automatismi concedendo pure qualche banale errore di esecuzione. L’ovale , che  come predica l’uomo di Bucarest dovrebbe viaggiare rapido  e lontano dalla difesa, rimane nei paraggi della linea ospite e si perde tra le maglie laniere. Bisogna attendere il 15’ per il guizzo vincente di Freitas che sfrutta il sovrannumero dopo un’azione in terza fase. Il gioco del Novara non decolla anche se “Lord” Sogni  è una costante spina nel fianco della difesa ospite e si registrano alcune belle giocate del pack dettate dallo strapotere fisico di “Kappa” Kader  e di Quadraro, ma manca il killer instinct e la reattività sui palloni di recupero e sui contrattacchi in cui il triangolo allargato Garufi ,Mallah e Vicari stenta a trovare l’intesa. Al  25’  Quadraro, per non saper né leggere né scrivere, abbassa il testone e schiaccia in meta un calcio di punizione giocato veloce. Loddo trasforma. Al 24’ Loretti sr. Riesce a ribadire in meta un incredibile pallone perso da Freitas nell’area biellese, dopo una delle sue proverbiali sgroppate. Il pubblico si attende la meta del bonus ,ma il primo tempo non offre altre emozioni ,se non quelle delle pittoresche imprecazioni rumene di Vacaru ,non certo soddisfatto del gioco dei suoi.

Secondo tempo sicuramente migliore del primo,merito dei cambi che danno una scossa al sonnacchioso Novara. Al 5’ è Quirino che dà lustro ad una prestazione fin qui opaca con una bella meta a sostegno di una combinazione al largo di Vicari e Freitas . E’ il momento delle forze fresche : Fioretto rileva un ottimo Radaelli e Udawala prende il posto di un Mallah ancora alla ricerca della miglior condizione. Al 15’ capitan Viana concretizza in meta un calcio di punizione giocato velocemente da Loretti sr. E’ la volta di Loretti jr che avvicenda Colombo, mentre Familiari subentra a un discreto Garufi e Mazzotti rientra a tallonatore al posto di Cotroneo, mentre Barelli sostituisce l’ottimo Sogni. Il Novara comincia a finalmente a giocare, mentre il Biella spegne pian piano le candeline. Loddo sale in cattedra e orchestra la propria linea,con un Quirino finalmente preciso nei passaggi. La prima linea continua nella sua opera di demolizione e Mazzotti e Loretti jr. danno velocità e ordine alla manovra del pack. Tutto ciò porta il Novara a segnare tre mete in 10 minuti . Al 18’ contrattacco elettrico di Barelli la cui serpentina semina gli avversari e consente un rapido pallone per  Loddo che smarca “tartaruga” Fadda che proprio non riesce a involarsi in meta e preferisce risparmiare preziose energie consegnando il pallone al rapido Loddo. La reazione del Biella si spegne subito al 22’ per l’intercetto di Freitas che non può far altro che depositare in mezzo ai pali. Trasforma Familiari.

Ultimo cambio con Tromellini al posto di Bamba, oggi molto bravo. Il Novara riesce adesso a divertire il pubblico. Si fa notare Udawala con alcune belle iniziative e placcaggi efficaci e il duo classe ’95 Barelli, Familiari molto bravi a trovarsi e a innescare attacchi pericolosi, uno dei quali viene finalizzato dal pack novarese che imposta una maul avanzante conclusa in meta da Loretti jr. . Familiari trasforma. Il Novara continua a premere e il Piemonte non corre più e solo qualche errore dei padroni di casa limita il passivo. Ultima meta al 35’ per mano di “faina” Loddo che su palla recuperata da mischia ordinata, cambia repentinamente lato di attacco e combina con l’altruista Vicari che smarca la nostra apertura per la facile meta in mezzo ai pali. Ancora Familiari fissa il risultato sul 53 -0.  Che dire di più? Il Novara ancora non riesce ad essere convincente per l’arco dell’intera gara e alterna pregevoli giocate a errori sconcertanti. Alcuni giocatori non riescono a trovare la posizione in campo perché preferiscono ammucchiarsi piuttosto che amministrare le energie in un gioco di posizione più razionale ed efficace.  Vogliamo essere ottimisti e  aspettare i nostri alla prova del nove contro il Cus Torino, ospite del Laurenti domenica 1 dicembre, un match che vale forse il campionato. Prima linea sugli scudi, Bamba, Sogni e Quadraro molto bravi, ma man of the match a Loddo per l’autorità e sicurezza con cui ricopre l’inedito e difficile ruolo di apertura e per la voglia di migliorare che dimostra in allenamento.

Formazione: Quadraro, Cotroneo (Mazzotti), Radaelli (Fioretto), Bamba (Tromellini), Colombo (Loretti jr.), Fadda, Viana, Loretti sr., Quirino, Loddo, Sogni (Barelli), Freitas, Vicari , Malla (Udawala) , Garufi (Familiari).

Allenatore : Vacaru.