«Run Through The Jungle» sulle note dei Creedence in giro per la città

Condividi sulla tua pagina social

di Alessio Marrari

«Seppur si tratti di un testo breve e non molto pretenzioso, il brano «Run Through The Jungle» dei Creedence mi ha accompagnato ieri in un giretto fatto a piedi in città, cosa che faccio spesso in quanto io ami girare, guardare, incontrare persone, raccogliere pareri, scattare qualche foto per poi riproporre alcuni spunti su questo blog od anche sulle mie pagine social. Questa volta ho chiacchierato poco o nulla ma il “rhythm and blues” in forma “prog” del pezzo ha stimolato l’osservazione dei comportamenti e dei modi insiti nella gente intorno a me. Non so se giusto o meno spingere il proprio interesse a tali velleità ma, per natura mia, lo faccio spesso. Proprio vero, la gente è rock, compie dei movimenti ed esegue  delle cose davvero buffe. A parte il fatto che l’automobilista non si limiti mai solo a condurre il mezzo in uso, nella maggior parte dei casi lo si evince parlare al telefonino ed anche messaggiare alla guida. In questo ho perso le speranze, siamo nella totalità “diversamente norvegesi” e la conferma l’ho avuta quando ho visto qualcuno ha iniziato ad interagire con le proprie narici. Vabbè… Poi i bar, ogni ingresso che si incrocia ha gli affezionati con un bicchiere in mano a disquisire sul calcio, la politica, il collega di lavoro, il capo. Poco più avanti l’uscita di una scuola elementare dove, in prossimità dell’ingresso, una coda di macchine in doppia fila tanto… “sto 10 minuti il tempo che esca il bambino” quindi se molti la pensano così, il “codazzo” diventa di mezzo chilometro e non si circola più. Poco male, ci sono i social con i gruppi cittadini ove potersi sfogare quando sono gli altri a commettere tali “reati”, nella speranza di non essere immortalati quando è il proprio turno, ci si scaglia con tutta la cattiveria ed il senso civico possibile contro. Anche perchè, poi, ho intravisto una donna “social-lamentosa” ed accanita che ha fermato il proprio veicolo in seconda fila anche storto, però è colpa dei vigili che non multano, quando tocca commentare “il post” che fa discutere una settimana. Se tanti guardassero la “propria gobba”… rispettando regole e libertà altrui… ma quanto pretendo! Queste solo una parte di storielle che si potrebbero scrivere e raccontare, piccoli accorgimenti di in/civiltà, dipende da che punto di vista educativo lo si voglia intravedere. Intanto il sound dei Creedence spacca gli auricolari del mio i-Iphone e perchè no, ecco di seguito il pezzo “Run Through The Jungle”, ma solo per intenditori… see you later,

parola di blogger…»