Sarah Scazzi – Epilogo Horror IL VIDEO

Condividi sulla tua pagina social
Sarah Scazzi

Sarah Scazzi

Risolto il giallo di Sarah Scazzi. La ragazza di Avetrana che sembrava scomparsa nel nulla nei pochi metri che separano la sua abitazione da quella della cugina Sabrina, dove la 15enne era diretta nel pomeriggio del 26 agosto, è stata uccisa dallo zio Michele Misseri. Dopo un interrogatorio durato più di 12 ore, l’uomo, 54 anni, ha confessato. Sarah è stata strangolata in un garage attiguo alla casa perché aveva rifiutato le “avances” dello zio. “L’ho strozzata con una cordicella mentre era di spalle e ho abusato di lei dopo che era già morta”, è la rivelazione agghiacciante di Misseri. Prima di occultare il cadavere gettandolo in un pozzo, l’uomo ha denudato la nipote e ha successivamente bruciato i vestiti.  I carabinieri hanno recuperato il cadavere di Sarah nel podere di Misseri, tra Avetrana e Nardò. Il corpo era stato buttato in una cisterna interrata per la raccolta delle acque piovane. Era lì, difficile da recuperare, sommerso dall’acqua e coperto dalle pietre. Nella stessa zona, il 29 settembre scorso, l’uomo aveva simulato il ritrovamento del telefonino appartenuto alla nipote, senza scheda sim né batteria, bruciacchiato in mezzo alle foglie di ulivo. Ed è stato proprio quel tentativo di depistaggio, insieme ad alcune intercettazioni ambientali, ad aver spinto gli inquirenti a indagare su Michele Misseri. Lui aveva quasi convinto tutti, media e opinione pubblica, della sua innocenza, piangendo di fronte alle telecamere e dichiarando, tra lacrime e singhiozzi: “Sarah era come una terza figlia”. La notizia ha lasciato sgomenti i familiari di Sarah e i cittadini di Avetrana. La madre Concetta l’ha appresa in diretta televisiva, durante la trasmissione di Raitre Chi l’ha visto?, che molta attenzione aveva dedicato al caso e alla presunta scomparsa di Sarah. Concetta era collegata con Federica Sciarelli dalla casa del cognato, l’assassino di sua figlia. Si trovava davanti alle telecamere per lanciare l’ennesimo appello e aggiungere qualche tassello al puzzle della scomparsa, quando la conduttrice ha appreso la notizia dalle agenzie di stampa. In un primo momento solo voci e indiscrezioni, nessuna certezza, nessuna conferma dal Comando provinciale dei carabinieri dove ancora si trovavano Michele Misseri, la moglie Cosima Spagnolo e la figlia maggiore Valentina. Poi, quando era ormai chiaro che la piccola Sarah fosse stata uccisa dallo zio che stava conducendo le forze dell’ordine sul luogo dell’occultamento, Concetta Serrano Spagnolo si è allontanata insieme all’avvocato di famiglia.

IL RITROVAMENTO DEL CORPO

IL BASTARDO CHE RECITA

IN DIRETTA A “CHI L’HA VISTO?”