SVILUPPARE L’ECONOMIA DIGITALE IN ITALIA: UN PERCORSO PER LA CRESCITA E L’OCCUPAZIONE

Condividi sulla tua pagina social

di Magda Rosso

Ferraris, Battiston, Sozzani, Giordano, Baici e__ Genoni

Ferraris, Battiston, Sozzani, Giordano, Baici e__ Genoni

Sempre più l’elettronica, la rete nella rivoluzione istituzionale e amministrativa che il governo sta portando avanti. Dal documento unico, alla posta certificata, a veri e propri appalti pubblici innovativi che spostano idee, capitali, beni con un clic, un terminale, un “semplice” cellulare.

In arrivo anche l’obbligo di acquisti telematici anche per le PA…

E dal prossimo anno anche un contributo alle micro e piccole imprese che avviino per la prima volta l’attività di commercio elettronico, mentre per le medie imprese si studia una forma di detassazione dei ricavi nel caso di e-commerce con l’estero.

Venerdì 23 novembre, alle ore 10 presso l’Aula 206 (secondo piano) dell’Università del Piemonte Orientale si parlerà proprio di e-commerce.

Dall’incontro con il general manager Mastercard Italia, Dott. Paolo Battiston, – spiega Diego Sozzani, Presidente della Provincia di Novara – è arrivata l’idea di un convegno che trae spunto non solo dalla strettissima attualità ma anche dallo studio “Sviluppare l’economia digitale in Italia: un percorso per la crescita e l’innovazione”, un’analisi dell’economia digitale italiana e degli ostacoli che si frappongono a un suo più ampio sviluppo, e che propone 12 interventi prioritari che consentiranno non solo di costruire il futuro digitale dell’ Italia, ma anche di dare nuovo impulso alla crescita e di creare lavoro”.

Lo studio espone il punto di vista del Digital Advisory Group (DAG), un gruppo composto da oltre 30 organizzazioni, aziende private e pubbliche e università determinate a contribuire allo sviluppo dell’economia digitale del nostro paese. Il DAG si pone l’obiettivo di promuovere e sostenere iniziative concrete per stimolare l’economia digitale italiana d’intesa con tutti gli altri stakeholder rilevanti, inclusi la Pubblica Amministrazione, il Governo, gli enti regolatori, le associazioni di categoria, le associazioni dei consumatori e altri operatori privati. Si prefigge inoltre di incoraggiare la creazione di un contesto favorevole per lo sviluppo dell’ecosistema digitale italiano.

Lo studio e stato promosso dall’American Chamber of Commerce in Italy, con il contributo scientifico e analitico di McKinsey & Company.

Con l’intento di stimolare a livello locale iniziative che possano stimolare nuove metodologie di impresa sia sotto il profilo didattico, sia sotto il profilo imprenditoriale – continua Sozzani – abbiamo voluto chiamare al tavolo dei relatori, accanto a Paolo Battiston, l’Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Piemonte, Massimo Giordano; Eliana Baici, Direttore del Dipartimento di Economia dell’Università Avogadro di Novara . In proposito abbiamo avuto l’adesione del Dott. Lorenzo Ferraris esperto di internazionalizzazione delle imprese, che ha avuto modo di seguire e istruire l’iter del settore e-commerce in Asia di primarie aziende internazionali”.

Impegni imprevisti hanno purtroppo costretto Mariella Enoc a rinunciare all’evento delegando a rappresentarla l’Associazione Industriali di Novara.

“Confidiamo che l’iniziativa abbia seguito – conclude Sozzani – A questo scopo abbiamo coinvolto le associazioni di categoria affinché a loro volta diffondessero l’invito ai loro associati. Abbiamo scelto l’Università di Economia quale sede, proprio per coinvolgere anche gli studenti che potrebbero essere interessati al dibattito in prima persona”.