TRAPIANTO MADE IN ITALY CONTRO SLA, NESSUN EFFETTO AVVERSO AFFERMA VESCOVI, PROCEDE LA SPERIMENTAZIONE CON CELLULE CEREBRALI, 4 PAZIENTI RECLUTATI

Condividi sulla tua pagina social
VESCOVI

VESCOVI

Milano, 3 dic. (Adnkronos Salute) – Prosegue la sperimentazione sulla sclerosi laterale amiotrofica (Sla) che ha portato qualche mese fa al primo trapianto al mondo di cellule staminali cerebrali umane: lo studio non ha rilevato al momento “nessun effetto collaterale o avverso ne’ da parte delle cellule ne’ dell’intervento”. Ne ha parlato oggi Angelo Vescovi, direttore scientifico di Neurothon e direttore dell’Irccs casa Sollievo della Sofferenza di San Pio (San Giovanni Rotondo) che coordina la sperimentazione insieme, per la parte neurologica, a Letizia Mazzini, responsabile del Centro Sla dell’Ospedale Maggiore della Carita’ (Novara). Vescovi e’ intervenuto all’Interclub del Rotary Milano Porta Vercellina, Rotary Monforte, Rotary Milano Ovest, Rotary Arco della Pace, Rotary San Babila a Milano. Presente in video anche Monsignor Vincenzo Paglia, vescovo di Terni – Narni – Amelia, presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia e presidente di Neurothon, l’Associazione no-profit fondata da Vescovi per promuovere la sperimentazione sulle cellule staminali cerebrali per la cura delle malattie neurodegenerative e fermo sostenitore della ricerca. Paglia, quale, nel ringraziare il presidente del Rotary Club Milano Porta Vercellina Cesare Valli e gli altri convenuti, ha sottolineato: “La ricerca del professor Vescovi, che sostengo da oltre 10 anni, e’ unica nel suo genere. Le malattie neurodegenerative sono terribili e c’e’ bisogno di tanta solidarieta’, verso i malati e verso le loro famiglie. Per continuare, questo progetto ha bisogno dell’aiuto di tutti quanti vogliano contribuire a dare a chi ne ha bisogno la speranza di una cura”. Sono 4 ad oggi i pazienti reclutati con cadenza quasi mensile, dal trial clinico di fase 1 autorizzato dall’Istituto Superiore di Sanita’. Il trattamento, in questa prima fase, prevede il trapianto di cellule staminali cerebrali umane, prodotte nella Banca delle Staminali Cerebrali di Terni, nelle corna anteriori del midollo spinale di pazienti affetti da Sla.