Tre operai senegalesi cacciati dall’albergo perché neri a Venezia

Condividi sulla tua pagina social

Tre giovani operai senegalesi sono stati costretti ad andar via dall’albergo, che avevano regolarmente prenotato, solo perché di colore.

L’episodio è accaduto mercoledi scorso: i tre operai lavorano per un’azienda di Brescia, sono arrivati a Meolo con una prenotazione compresa di nominativi, fatta dall’azienda per cui lavorano.

Alle 21 e 30 di mercoledi i tre operai arrivano in albergo: “Ci ha accolto il figlio dei titolari. Ci ha chiesto se eravamo noi ad aver prenotato e ci ha indicato dove parcheggiare il furgone, raccontano i senegalesi. Tutto sembrava a posto, quando abbiamo sentito l’anziano padre urlare al figlio di mandarci via, che non voleva vedere quei negri di m… E giù di insulti”.

I tre lavoratori senegalesi, dopo che la situazione stava degenerando, hanno preferito andarsene, e sono infine riusciti a trovare un altro albergo. Il giorno dopo hanno parlato con il titolare dell’azienda e si sono rivolti ai carabinieri per denunciare il proprietario dell’albergo. ”E’ la prima volta che ci capita una cosa del genere”, dicono.

La figlia del titolare dell’albergo si giustifica così:”Io non ero presente. Ma, se è successo davvero così, ci dispiace per quanto accaduto. Il fatto che mio fratello abbia ricevuto la prenotazione dimostra che per noi non c’era alcun problema ad ospitare i signori. Purtroppo abbiamo a che fare con una persona ultra settantenne, che ha delle problematiche di salute e una certa mentalità radicata. Anche per noi è un problema ogni giorno. Ma non so se valga la pena montare un caso su questo fatto. Possiamo assicurare che non è il classico episodio di razzismo: qui da noi alloggiano albanesi, ex jugoslavi e altri stranieri.”