UDITE UDITE… STRISCE BLU “ILLEGITTIME” !

Condividi sulla tua pagina social

Comunicato Associazione Nazionale Consumatori 

Vista una recente sentenza del Gdp di Roma, che ha

dichiarate “fuorilegge” tutte le strisce blu all’interno della carreggiata, buona parte di tale segnaletica nelle varie città, potrebbe essere illegittima. “Infatti  le strisce blu vanno poste fuori dalla carreggiata, ossia fuori dalla strada destinata al transito dei veicoli e ciò in funzione di quanto stabilito dal Codice della Strada”.

                                       —————————————-

CDS Art. 7. Regolamentazione della circolazione nei centri abitati

 Comma 6. Le aree destinate al parcheggio devono essere ubicate fuori della carreggiata

 Comma 8. Qualora il comune assuma l’esercizio diretto del parcheggio con custodia o lo dia in concessione ovvero disponga l’installazione dei dispositivi di controllo di durata della sosta di cui al comma 1, lettera f), su parte della stessa area o su altra parte nelle immediate vicinanze, deve riservare una adeguata area destinata a parcheggio rispettivamente senza custodia o senza dispositivi di controllo di durata della sosta

“E’ sufficiente guardarsi attorno per rendersi conto che i parcheggi a pagamento si trovano quasi sempre all’interno della carreggiata e raramente come invece dovrebbero essere”. “come tutti possono verificare, la situazione è quindi quasi sempre di palese illegittimità“.

Ad avvalorare la tesi del GDP di Roma, dalla documentazione prodotta, emerge che gli spazi destinati a parcheggio a pagamento, con particolare riferimento all’”invasione” della sede stradale, sono stati predisposti in violazione di quanto previsto dai commi 6 e 8 dell’articolo 7 del CDS, all’interno della carreggiata con evidente restringimento della medesima.

Purtroppo, “si constata l’evidente scopo, da parte delle Pubbliche Amministrazioni Comunali di “far cassa” prelevando e “bistrattando” una volta in più il settore automobilistico e gli utenti di tale comparto e questo in maniera indiscriminata, senza tener conto che l’automobile, rappresenta una gran fetta dell’economia nazionale”.