Valter Brustia, Sindaco di Casaleggio, sul Trasporto Pubblico Locale

Condividi sulla tua pagina social

Valter BrustiaCon la riforma Bonino anche prendere l’unico treno rimasto per recarsi in città da Casaleggio Novara è un’odissea, specialmente se vuoi portare con te la bicicletta. L’utilizzo combinato di treno e bicicletta per noi pendolari di Casaleggio Novara e Sillavengo è una necessità in quanto da circa un mese siamo stati menomati dalla riforma regionale. Questo moderno sistema di viaggio è stato ribattezzato con l’acronimo STIPA, Sistema di Trasporto Integrato Pendolari Abbandonati che integra e sostituisce nei Comuni di Ghislarengo, Sillavengo e Casaleggio Novara il sistema SFM (Servizio Ferroviario Metropolitano) e SFR (Sistema Ferroviario Regionale). Tra l’altro da Casaleggio Novara è assolutamente gratuito almeno fino ad oggi: la biglietteria automatica è guasta da mesi e, pertanto, è possibile salire in treno con la bicicletta senza il documento di viaggio e nessuno si presenta per  farti pagare. Fantastico! Sembra di essere in Portogallo. Questa è la nuova frontiera del TPL (Trasporto Pubblico Locale, continuo con gli acronimi perché fa scic!) e, quindi, invito tutti a salire in treno con la bicicletta nelle prossime settimane per promuovere lo STIPA. Spero, tuttavia, che nei prossimi mesi la biglietteria della stazione di Casaleggio Novara venga riparata, permettendo ai pendolari casaleggesi di pagare, ma forse questa rimarrà un’illusione.