Volley – Acqua Paradiso Novara Batte Lauretana Biella

Condividi sulla tua pagina social

LAURETANA BIELLA – ACQUA PARADISO NOVARA – 2-3 (25-22, 26-24, 22-25, 22-25, 10-15)

Acqua Paradiso: Casagrande 6, Fracasso 1, Signorelli 9, Cafulli 12, Vagata 13, Bianchini, Giacobbo 7,

Maino 4, Pagani 9, Rigamonti 13, Ferrari libero, n.e Pelucco. All. Mainardi

Volley novara

Volley novara

Ancora una splendida vittoria per il Volley Novara che passa 3-2 a Biella contro una delle formazioni favorite per la promozione in B1 nel proprio girone. La squadra del presidente Carlo Robiglio ha capovolto una situazione veramente complicata avendo perso di misura 25-22 e 26-24 i primi due set  contro un avversario che presentava in organico ben 5 atleti proveniente dalla categoria superiore. La possibilità far ruotare un organico ampio e ben assortito ha permesso a coach Mainardi di azzeccare alcuni cambi e cambiare volto alla gara. La squadra non si è mai arresa, pareggiando i conti con un doppio 25-22. Poi, nel tie-break, subito una partenza sprint 5-0 e 10-3 per chiudere con un gran muro di un positivo Giacobbo 15-10. Migliori realizzatori della serata Vagata e Rigamonti con 13 punti, davanti a  Cafulli 12. Bravi capitan Casagrande in regia e Ferrari nel ruolo di libero. Importante il contributo di Pagani come opposto dalla metà del terzo set. Grazie a questo successo Acqua Paradiso Novara si mantiene in testa al girone con 7 punti ( 2 successi esterni 3-2 e la vittoria casalinga 3-1 contro Saronno) ma viene affiancata da Parabiago che, dopo aver raccolto un punto perdendo con gli Azzurri, ha superato 3-1 Biella e Saronno. La cronaca: partono Casagrande in palleggio, Signorelli opposto, Vagata e Giacobbo al centro, Ferrari libero, Maino e Fracasso all’ala, quest’ultimo in veste di ex. Inizio in salita 4-0 e 8-5 alla prima pausa. Un muro di Signorelli segna il 14-14 ma sono sempre i padroni di casa a condurre 19-17 e 23-20 ed a chiudere 25-22. Biellesi ancora in fuga 4-1 in apertura di secondo set, sul 11-9 Cafulli subentra a Fracasso. Novara rimonta da 16-11 a 19-22 con il nuovo entrato in evidenza ma due errori banali consentono a Biella, guidata dall’esperto Simeon in regia e con Santià e Monaldi in attacco, di chiudere ancora 25-22. Nella terza frazione Rigamonti subentra a Maino. Acqua Paradiso scatta avanti 5-2 e 12-5, ma viene avvicinata 13-12. Pagani prende il posto di Signorelli. Biella passa 16-15 ma Pagani realizza il 20-18 che apre la strada per il 25-22 che riapre il match. Acqua Paradiso sempre in testa nel quarto set 8-5 e 16-13. Il gioco diventa più preciso ed efficace, nonostante i grandi recuperi del libero Pavan, Biella deve sempre inseguire, avvicinandosi 22-21. Poi nell’ordine Rigamonti, Vagata e Pagano mettono a terra i palloni che fissano il 25-22. Il quinto set non ha storia, dove i novaresi, ben orchestrati da Casagrande e Ferrari, volano 5-0 e 10-3. Biella non si arrende e tenta un disperato assalto: 11-8. Pagani e Cafulli lo respingono 13-8 e poi 14-8. Ancora due punti per i Lanieri ed uno splendido muro di Giacobbo sigla il definitivo 15-10. Di conseguenza, la gara in programma domenica alle ore 18 al Palasport Sartorio contro lo stesso Parabiago, sembra decisiva per accedere alla seconda fase, un traguardo che sembrava impossibile visto il valore delle rivali inserite nel girone. La partita di domenica diventa quindi il primo grande appuntamento stagionale per il volley novarese, un match da non perdere che promette tante emozioni vista, oltretutto, la forza degli avversari. Anche l’allenatore Mainardi sottolinea l’importanza della prossima sfida: “A questo punto proviamo a giocarci la qualificazione che sarebbe un risultato di prestigio, sicuramente avevamo un girone difficilissimo ma devo dire che i ragazzi hanno giocato 3 partite davvero buone, senza mai arrendersi nelle situazioni complicate e tutti hanno fornito un buon contributo. Questa sera ho sfruttato l’organico ampio che certamente è un nostro punto di forza. In 3 gare abbiamo registrato sempre un top-scorer diverso (Signorelli, Maino, ed a Biella la coppia Vagata-Rigamonti) ed è sicuramente una nota significativa. Comunque manteniamo un basso profilo e restiamo umili perché ci attende un campionato difficile con tante formazioni ambiziose ed il Biella questa sera ha dimostrato tutto il proprio valore”. Pagani ha messo a segno punti decisivo: “Era un partita molto difficile, sono entrato in un momento delicato e penso di aver disputato un buona gara, sono davvero contento“. Intervistato anche Rigamonti a fine gara: “All’inizio abbiamo patito le dimensioni di un palasport da 5.000 posti, al quale non siamo abituati e comunque abbiamo sciupato il vantaggio di 22-19 nel secondo set. Poi è arrivata una splendida rimonta. L’esperienza di Casagrande, Vagata e Ferrari ha aiutato noi giovani a superare i momenti difficili, siamo davvero un buon gruppo”. Infine a Vagata, che rimarca l’importanza di un organico ampio che permette varie soluzioni, chiediamo: “Avete battuto 3 squadre che puntano in alto, niente male per una formazione che punta a migliorare il nono posto dell’anno scorso salvandosi senza soffrire“. “In effetti – risponde Vagata – siamo già su buoni livelli di gioco, c’è un bell’ambiente e lavoriamo con grande impegno. Le vittorie fanno bene al morale e domenica, contro un fortissimo Parabiago, tenteremo un altro colpaccio. Teniamo presente che oltre ad un Biella che ha dimostrato grandi potenzialità ci sono squadre come Crema, Milano, Gorgonzola, Costa Volpino che puntano alla promozione e poi tante avversarie sconosciute quindi, direi, che per ora l’obiettivo è migliorare il nono posto dell’anno scorso, e di migliorarlo …. il più possibile”.