WIKILEAKS : ” MOLTO RUMORE PER NULLA ” (mi scuso con Shakespeare)

Condividi sulla tua pagina social
di Roberto Lolli
A prescindere dal fatto che è un classico la frase “So cos’hai fatto” per far avere rimorsi di coscienza a qualcuno. Se poi lo fai con gente che ha fatto del compromesso il suo  LEITMOTIV allora stai a cavallo! Era normale il rimbombo mediatico mettendo in mezzo i pezzi grossi del panorama mondiale. Sicuramente gli scheletri nell’armadio, ben conservati sotto naftalina, non mancano a nessuno figuriamoci a loro. Il secondo ingrediente per questo mega bluff sono sicuramente i massmedia che come pecoroni, nascosti sotto il dovere di cronaca, si fiondano sullo scoop del millennio. Il terzo è un “fantomatico” genio di qualcosa (in questo caso informatico) capace di far arrossire Lupin inquanto ad astuzia ed imprendibilità.
Dateli ad un bravo barista e otterrete la TERZA GUERRA MONDIALE: “KABOOOM”. E invece NO! Vi chiederete cosa manca? Beh cari amici ve ne sarete accorti tutti che manca una cosa fondamentale: ” LA NOTIZIA!” Quali sarebbero i contenuti di questo immenso polverone? Come si direbbe in Messico: Nada de nada, hombre. Ecco! Non so voi ma io non credo che questo soggetto, all’anagrafe tal Julian Assange, abbia tempo da perdere soprattutto data la sua ENORME professionalità. Quindi da cosa è spinto? Da chi è protetto? Cosa c’è dietro? Questa persona è il “Bin Laden” del gossip, già perchè di gossip si tratta. Ora da che mondo e mondo anche i bambini lo sanno che gli equilibri delle Nazioni sono fatti da diplomatici e statisti che, pur standosi sulle balle cercano di far un bel sorrisone nelle foto di rito (i più BUONTEMPONI le corna o il dito medio), mandano giù le opionioni personali. Non penso che serva un capo dell’Intelligence per capire che non tutti si amano spassionatamente e che non si darebbero la mano per fare un girogirotondo insieme! E sto WikiLeaks o come diavolo si scrive ci tiene mesi in ballo per dirci cosa? Un presidente puzza, l’altro si sente alto non essendolo, un altro ha in testa i soldi etc etc… Quindi? Bah! Noi in Italia abbiamo i migliori gossippari del Mondo! Andassero da Fabrizio XXXXXXX a prendere qualche scoop! Non scrivo il cognome perchè sicuramente ci siete arrivati tutti questo dimostra il potere del gossip! Comunque va bene tutto ma questo che si è “immolato” per la patria qualunque essa sia perchè non si è ben capito ma a che pro? Persino qualche Presidente notoriamente guerrafondaio ha sdrammatizzato inaspettatamente. Qualche Ministro degli esteri evidentemente non informatissimo è uscito con frasi ad effetto che non scrivo perchè lo potete leggere dappertutto e non aggiungerei altro.
Io penso che stanno lanciando la nuova Cocacola ma se posso dirvi la mia trovo cacofonica la parola WikiLeaks e anche il nome dell’intestatario Julian Assange. Per la prossima campagna pubblicitaria ricordatevi che Babbo Natale è sotto copyright… P.S. Questo articolo è stato corretto nella grammatica da un caro amico che non vuole essere citato che dite nascerà un caso anche su questo? Forse è controproducente dire che non sono cintura nera di ortografia ma almeno non mi attribuisco cose false o millanto ciò che non so fare.