Truffa milionaria: a rischio 10 posti di lavoro per la messa in liquidazione della società. I Carabinieri indagano

Condividi sulla tua pagina social

La donna, una 28 enne residente a Novara unitamente al proprio convivente  era stata assunta nel 2016 come impiegata amministrativa da una cooperativa di Borgo Vercelli, che opera nel settore dei ricambi per auto, con una vasta clientela stanziale nelle diverse provincie della parte orientale del Piemonte. Nel mese di settembre 2020, allorquando si dovevano liquidare gli utili del mese ai soci, il Presidente si è accorto che non vi erano presenti i fondi sufficienti ad eseguire i relativi bonifici ed a seguito di una verifica di bilancio più approfondita, sono emersi ingentissimi ammanchi, allo stato quantificati in circa 1.5 milioni di euro. Dalle indagini è emerso come la donna abbia spostato il denaro attraverso molteplici bonifici di importi consistenti ma “camuffati” tanto da sembrare operazioni contabili regolari, su un’altra società collegata cd. “ponte” con sede a Genova, per poi essere girati dalla stessa impiegata sul proprio conto personale e sul C/C di una ditta di Galliate (No) che vedeva però lei stessa come titolare. Il denaro, poi, dalla ditta di Galliate che aveva, tra l’altro, come dipendenti il padre ed il convivente, veniva trasferito sui vari conti correnti personali della donna, per poi essere spesi in svariati modi. Dal mese di aprile, l’indagine è stata affidata agli investigatori del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Vercelli, che, coordinati dalla Procura della Repubblica di Vercelli, con la collaborazione dell’Arma di Novara, stanno eseguendo laboriose indagini volte a recuperare il provento del reato, ricostruendo il flusso di denaro ed accertando come buona parte di esso sia già stato speso per l’acquisto di beni e di veicoli di lusso. L’impiegata è stata licenziata ma la cooperativa, a causa dell’ingente furto, è stata messa in liquidazione ed i 10 dipendenti rimasti rischiano ora di rimanere senza lavoro.