ANCORA BULLISMO A NOVARA

Condividi sulla tua pagina social
Bullismo Femminile

Bullismo Femminile

Non è un assioma incontrovertibile che gli autori dei c.d. atti di bullismo siano sempre maschi. La scorsa settimana, infatti, la Squadra Mobile ha segnalato all’A.G. due sedicenni resisi responsabili rispettivamente di rapina e lesioni. Il primo episodio trae origine da una lite scaturita per situazioni sentimentali. In particolare una giovane veniva aggredita da un gruppo di coetanee che le contestavano di aver fatto gli “occhi dolci” al fidanzato di una componente del gruppo. In tale frangente la vittima veniva spintonata e, poi, rapinata del cellulare. A commettere il reato il capo della comitiva che aveva preso l’iniziativa ed aveva sottratto con violenza il cellulare alla coetanea. Le indagini si orientavano immediatamente sul mondo giovanile e sul fidanzato conteso. Tramite il network facebook venivano, così, estrapolate delle effigi tra le quali la vittima riconosceva la rapinatrice che, in tal modo, veniva individuata e deferita all’A.G. per rapina. Altro episodio avvenuto a Novara, nei pressi di un istituti scolastico, ha visto come vittima una giovane 17enne rea, a parere di una coetanea, di aver fatto dei commenti poco lusinghieri sul suo conto. Fuori dal plesso scolastico, quindi, la vittima trovava il proprio aggressore che esigeva un chiarimento. Dalle parole ai fatti ed agli spintoni che costavano, alla vittima, 30 giorni di prognosi per lesioni riportate alla spalla a causa delle spinte. Il bullismo, per maschi o per femmine, appare legato allo stesso comune denominatore: la codardia testimoniata dall’aggressione in branco, nel primo episodio, e dallo strapotere fisico, nel secondo episodio. La Questura e l’Ufficio Minori, pertanto, invitano le vittime ed i testimoni di atti di bullismo che, spesso, come nei sopraccitati episodi, sfociano in veri e propri delitti, a riferire alla Polizia di Stato quanto accaduto.