Andrea Ballarè con i sindaci Dario Nardella (Firenze) e Mattia Palazzi (Mantova) lancia la proposta di rafforzare la collaborazione con uno scambio di progetti e iniziative

Condividi sulla tua pagina social

BallarèTra Novara, Firenze e Mantova un “patto” di collaborazione per promuovere progetti e iniziative sul fronte della cultura. È Quanto è emerso oggi pomeriggio in occasione dell’incontro tra Andrea Ballarè, sindaco di Novara e candidato del centrosinistra alla riconferma, e i sindaci del capoluogo toscano, Dario Nardella e di Mantova, Mattia Palazzi.
« La proposta è semplice – ha detto Ballarè – ed è realizzabilissima: costruire insieme tra il 2016 e il 2017 due eventi portando a Mantova e a Firenze il meglio delle nostre eccellenze culturali e turistiche e enogastronomiche, così come quelle della moda, oltre al teatro e alla musica, e realizzando a Novara due eventi analoghi uno su Mantova e uno su Firenze».
Ballrè aveva introdotto l’incontro ripercorrendo la storia recente di Novara sul fronte culturale.
«Abbiamo lavorato moltissimo in quest’ambito , trasformando una città “qualunque” tra Milano e Torino in una città di cultura che è sempre più una attrattiva turistica. E non a caso abbiamo visto visto nell’ultimo quinquennio una impennata del numero delle imprese e del numero degli addetti impiegati in città, oltre che un aumento esponenziale, il più rilevante in Piemonte (+22%) , dell’utenza».
«Ma quando abbiamo cominciato cinque annii fa – ha proseguito Ballarè – non era così. Abbiamo trovato un teatro Coccia che galleggiava con una programmazione mediocre e irrilevante e che invece affogava nei debiti: la perdita, per il solo esercizio 2011, era superiore al milione e 200mila euro. Abbiamo trovato un palazzetto dello sport che doveva essere il tempio dello sport e degli eventi musicali che invece era una cattedrale nel deserto che faceva perdere ogni anno poco meno di un milione di euro al Comune. Abbiamo trovato un Broletto rimesso a nuovo con i soldi del 150° dell’Unità d’Italia (un po’ un paradosso per l’amminstrazione della Lega…..) finito ma sconosciuto, dove entravano solo sparuti visitatori Abbiamo trovato un castello in ristrutturazione con i lavori bloccati e i finanziamenti fermi a Torino».
«Quello che è accaduto in questi cinque anni – ha proseguito il sindaco – lo sanno tutti: il rinascimento del Coccia al quale oggi lo stato raddoppia il finanziamento, che coproduce lirica con il festival di Spoleto, che ospita i più importanti artisti, e che quest’anno, dopo una faticosa opera di risanamento, chiude il bilancio in attivo; Il pala Nastri oggi si chiama PalaIgor (con una delle più importanti aziende novaresi come sponsor), funziona a pieno regime sia per lo sport di base che per lo sport di vertice, e ospita anche importanti eventi di spettacolo; Il Broletto con il Circolo dei lettori, le grandi mostre, la rinascita della Galleria Giannoni; il castello è ormai pronto per aprire»

«Ma ora – ha concluso Ballarè – è tempo di pensare al futuro. Nel nostro programma abbiamo molte idee per i prossimi cinque anni. Tra le altre, vogliamo potenziare il cartellone dei festival , lanciare un nuovo importante festival letterario, Sviluppare un progetto innovativo sul cinema. Così faremo crescere la città e non con gli occhi all’indietro come fanno altri sapendo solo criticare. Noi guardiamo avanti insieme ai cittadini».
Il “patto” tra le città è stato poi suggellato con una visita degli ospiti alla mostra “Da Lotto a Caravaggio” (tra l’altro realizzata in collaborazione con la fiorentina Fondazione Longhi) e alla cupola di San Gaudenzio.