Arrestato dai Carabinieri di Novara non si rassegna e danneggia con un calcio un’infisso della caserma

Condividi sulla tua pagina social
I carabinieri di Arona e Novara seguono le indagini

I carabinieri di Arona e Novara seguono le indagini

Lo scorso fine settimana, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile  in collaborazione con il personale della Squadra Volanti della Polizia di Stato, durante un servizio d’istituto, hanno tratto in arresto per resistenza, lesioni  a P.U. e danneggiamento un 34 enne cittadino di nazionalità colombiana, residente in Novara, poiché sorpreso nei pressi di un bancomat di un istituto bancario del centro, veniva sottoposto ad un controllo di polizia.

L’uomo, in evidente stato di alterazione psicofisica dovuto all’assunzione di sostanze alcoliche, durante la fase identificazione, forte anche della sua stazza fisica, ha iniziato ad inveire dapprima contro i Carabinieri e successivamente nei contro il personale della Polizia, prontamente giunto in soccorso dei colleghi, opponendo un’attiva resistenza.

Accompagnato in caserma, per espletare le formalità di rito, ha continuato nella sua condotta anticollaborativa, danneggiando con un calcio l’infisso della porta della sala delle persone fermate ed ingaggiando una breve e violenta colluttazione con tutto il personale operante, a cui cagionava lievi lesioni.

Processato per direttissima è stato condannato a mesi 6 di reclusione, pena sospesa.