Bullismo: proseguono le indagini dei Carabinieri di Novara relative ai fatti del Bonfantini. Altri quattro denunciati

Condividi sulla tua pagina social

bulli novaraI Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, proseguendo negli accertamenti e nelle indagini  relative ai gravi fatti di bullismo che avevano portato alla custodia cautelare del divieto di avvicinamento di tre ragazzi ventenni che frequentavano un Istituto scolastico novarese, hanno denunciato alla Procura di Novara altri quattro ragazzi.

Z.J. 19 enne, è stato ritenuto responsabile per il reato di violazione dei sigilli, danneggiamento ed ostacolo alla giustizia perché, per confondere le tracce e distruggere le prove e collegandosi con il proprio account sul sito della “Apple”, attivava la modalità pulizia sul telefono cellulare a lui in uso, sopprimendo di fatto  il corpo di reato consistente in alcuni video che lo ritraevano durante i pestaggi.

A.E., S.E. e F.S. tutti  di 20 anni   sono invece stati denunciati per il reato di minaccia aggravata in concorso perché, nel corso di una riunione di classe straordinaria appositamente organizzata, temendo di poter essere destinatari di provvedimenti disciplinari e penali, minacciavano i loro compagni di rivelare i nomi di chi aveva fatto denuncia per poi obbligarli a ritrattare.