Carabinieri di Novara ladro maldestro rimane impigliato nella recinzione

Condividi sulla tua pagina social
CARABINIERI

CARABINIERI

Sembrava un colpo facile per L. G. entrare nell’abitazione privata di una famiglia di Caltignaga (NO) e rubare una bicicletta da donna.  Era tutto tranquillo questa notte. Non c’erano pericolosi cani a difendere la proprietà ne’ sofisticati sistemi d’allarme e proteggere il perimetro. Solo una innocua recinzione a sbarre metalliche sufficientemente basse da poter essere scavalcate. E allora via, il malcapitato ci prova. Scavalca la recinzione, entra in una casa in via dei caccia, ruba una bicicletta da donna e cerca di fuggire.  Ma nel scavalcare di nuovo la recinzione qualcosa va male, scivola. Un piede gli rimane incastrato tra le sbarre, storto. Prova a tirarlo ma il dolore aumenta, rimane impigliato con una gamba in alto ed una in basso. Non può fare altro che chiamare aiuto. Intervengono i Vigili del Fuoco, un’ambulanza e i Carabinieri della Stazione di Cameri e Galliate che però, alle sbarre sostituiscono le manette.  G.L., 45 enne, è stato tratto in arresto in flagranza di reato per furto aggravato e sottoposto alla detenzione domiciliare su disposizione della competente A.G. in attesa del giudizio direttissimo. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno deferito in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza: un 34 enne, residente a Chieri (TO), poiché sorpreso alla guida di autovettura con un tasso alcolemico pari a 1,44 g/l; un 20 enne, residente a Gattinara (VC), poiché alla guida di autovettura, con un tasso alcolemico pari a 0,94 g/l, è incorso in un incidente stradale autonomo con soli danni al mezzo. Ad entrambi è stata ritirata la patente di guida.