Carabinieri di Novara: sorpreso a pescare con un congegno elettronico. Denunciato

Condividi sulla tua pagina social
carabinieri

carabinieri

Il 28 dicembre i Carabinieri della stazione di Trecate, giunti in aiuto delle guardie volontarie venatorie, durante il servizio di pattuglia hanno sorpreso un cittadino cinese, residente a Vercelli, che pescava nelle acque del “Fontanile Cerana” con uno strumento ingegnoso ma illegale. Il suddetto ha costruito un artigianale ma efficace congegno elletro-storditore costruito con alcuni accumulatori di corrente, uniti in serie tra loro e collegati con due rudimentali conduttori in modo da emettere poderose scariche elettriche ad alto voltaggio e basso amperaggio in grado da stordire i pesci in acqua e farli così affiorare in superficie. Facile in questo modo la raccolta dei pesci con alcuni retini da pesca non potendo i poveri animali reagire alla cattura. Il cinese è stato denunciato in stato di libertà ai sensi dell’art.6 T.U. dell’ 8 ottobre 1931 nr.1604 , l’attrezzatura è stata sottoposta a sequestro e i poveri pesci consegnati all’associazione ” fipsap_ adp” di Novara per il successivo smaltimento.