Controlli alla discarica di Ghemme, sottoposti a sequestro 60 ettari di bosco nell’area circostante

Condividi sulla tua pagina social

DSC_1769Nella giornata di ieri, personale del Corpo Forestale dello Stato, coadiuvato da ARPA Novara, ha proceduto a dare esecuzione ad un decreto di sequestro probatorio, emesso dalla Procura della Repubblica di Novara.

Il sequestro ha avuto ad oggetto l’area boschiva limitrofa alla discarica di Ghemme ed ha interessato una superficie complessiva di 60 ettari di bosco, in gran parte ricadente sul territorio del comune di Ghemme, in parte minore su quello di Cavaglio d’Agogna. La suddetta area boschiva, pertanto, resterà interdetta all’accesso di chiunque non sia stato previamente autorizzato dall’Autorità Giudiziaria.

Il sequestro è stato effettuato in conseguenza all’attività di indagine, per tempo avviata da Corpo Forestale dello Stato ed ARPA Novara, sfociata nel sequestro preventivo del sito della discarica nel passato mese di febbraio.

Il sequestro è finalizzato all’acquisizione di evidenze probatorie utili a definire tutte le eventuali responsabilità giuridiche della società che gestisce la discarica. La società concessionaria della discarica è già stata denunciata all’Autorità giudiziaria per l’inottemperanza alle prescrizioni previste per la definitiva messa in sicurezza del sito stesso.

In particolare, oggetto di approfondimento, è stato, e sarà ulteriormente, la fuoriuscita di percolato all’esterno del sito di discarica, nell’area boschiva limitrofa oggetto di sequestro. La prossima e conseguente azione investigativa sarà mirata a meglio qualificare e quantificare il danno ambientale prodotto in conseguenza a tale fuoriuscita di percolato.

È utile evidenziare che, il sequestro è una misura giudiziale e non interferisce né può condizionare in alcun modo il procedimento amministrativo attualmente in corso, in tutti i suoi sviluppi presenti e futuri.

Inoltre, è utile ribadire che, allo stato non emergono motivi di imminente e grave pericolo per la pubblica incolumità. Il sito, per i consueti canali amministrativi, è permanentemente sottoposto a monitoraggio e controllo da parte dell’Autorità sanitaria, a garanzia della salute pubblica. L’intervento di ieri si inserisce, piuttosto, nell’ambito dell’azione giudiziale, finalizzata ad accertare la gravità dell’alterazione ambientale dell’area circostante la discarica e le eventuali responsabilità soggettive del titolare del diritto di concessione.

Come attestato anche da quest’ultimo intervento, il livello di attenzione sul sito, anche da parte dell’Autorità Giudiziaria, è massimo. L’impegno del Corpo Forestale dello Stato, unitamente a quello di A.R.P.A. Novara, viene mantenuto al massimo grado, senza soluzione di continuità.