CULTURA IN PILLOLE … CERTIFICATO PENALE « PUBBLICO e COMPLETO » PER TUTTI I CANDIDATI ALLE PROSSIME AMMINISTRATIVE NOVARESI

Condividi sulla tua pagina social
Carlo Migliavacca

Carlo Migliavacca

di Carlo Migliavacca

Il certificato penale (detto anche fedina penale) o Casellario giudiziale contiene la storia delle condanne penali passate in giudicato di un cittadino e dei procedimenti penali ancora pendenti. Può essere ottenuto tramite la lettura dei registri, tenuti a cura del Ministero della Giustizia e aggiornati a cura delle Cancellerie dei Tribunali. Il cittadino sul cui certificato non figurano condanne penali definitive è detto incensurato. La cancelleria del Tribunale nel quale il cittadino ha la residenza apre il documento, lo conserva in archivio, cartaceo o informatizzato, e lo tiene aggiornato quando una condanna è confermata dalla Corte di Cassazione e diviene definitiva. La fedina penale è consultabile su richiesta delle autorità che hanno giurisdizione penale e dalla pubblica amministrazione alla quale la Costituzione consente l’accesso mediante persone con fedina penale pulita. La fedina penale pulita è un requisito per l’ammissione ai concorsi pubblici e l’esercizio dell’elettorato attivo: non possono lavorare o essere eletti nella pubblica amministrazione persone condannate in via definitiva per un reato, in base alla Costituzione. I benefici della non-menzione che il giudice può concedere in base alla legge Gozzini permette ai condannanti di risultare con la fedina penale pulita davanti ai privati. La pubblica amministrazione ha comunque diritto a vedere la fedina completa e nella forma originale. La fedina penale viene anche consultata dai datori di lavoro quando un soggetto fa un determinato concorso di lavoro. È quindi ovvio che una persona con una fedina penale abbastanza lunga possa incontrare difficoltà nell’essere assunto. Per quanto sopraesposto e in previsione delle prossime elezioni per il rinnovo del Consiglio comunale di Novara che si svolgeranno nella primavera del 2011, ritengo sia  diritto dei cittadini elettori novaresi poter conoscere il Certificato penale completo e «nella sua forma originale» sia dei vari candidati alla carica di Sindaco, sia dei candidati a ricoprire la carica di Assessori e Consiglieri, rinunciando alla eventuale «non menzione» delle condanne. Il «conoscere preventivamente» in che mani si vada ad affidare la pubblica amministrazione del  Comune è un atto di trasparenza al quale nessuno deve rinunciare ed al quale nessuno può sottrarsi; ciò al fine di poter scegliere persone incensurate e pulite, che diano la più ampia garanzia di moralità e legalità.