DALLA BATTAGLIA ALL’UNITÁ. IL PERCORSO DEL RISORGIMENTO A NOVARA

Condividi sulla tua pagina social

CUPOLA
CUPOLA

NOVARA RISORGIMENTALE 2011

 

 

PROGRAMMA DELLE INIZIATIVE

Realizzazione e posa di teli e pannelli in luoghi significativi e presso le scuole superiori della città

All’inizio del mese si è proceduto alla realizzazione e al posizionamento in luoghi significativi e di passaggio della città di quattordici fra pannelli e teli con la riproduzione di luoghi, vicende e personaggi del Risorgimento novarese. In allegato indicazione di posizionamento e soggetti. Appositi teli, disegnati dal giovane Stefano Panza, sono in corso di collocazione nelle scuole superiori di Novara: raffigurano l’Italia in costruzione affiancata alla Cupola in costruzione a significare il contemporaneo crescere della nostra città e del nostro Stato unitario (questi soggetti costituiscono anche il logo delle iniziative); al di sotto una serie di personaggi novaresi del Risorgimento, attorniati da una folla che rappresenta tanti anonimi cittadini che hanno contribuito al nostro progresso e anche noi stessi, in quanto parte di una storia di “conquiste” che deve proseguire. Teli e pannelli (o “totem”) rimarranno in sito per alcuni mesi.

Presentazione del volume “Risorgimento a Novara”

Il primo atto delle manifestazioni si svolge venerdì 11 marzo alle ore 18,00, presso le Sale Storiche di Palazzo Bellini, attuale sede della Banca Popolare di Novara e luogo dell’abdicazione di Carlo Alberto e dell’incontro tra Napoleone III e Vittorio Emanuele II. È la presentazione del libro Risorgimento a Novara. Lo sviluppo della città nell’Ottocento, edito da Interlinea con la collaborazione della Associazione Amici del Parco della Battaglia Onlus e l’apporto della Fondazione BPN per il Territorio. Il volume, che vede la presenza di testi scritti appositamente dal prof. Alessandro Barbero e dallo scrittore Sebastiano Vassalli, si compone di diversi saggi di alcuni fra i più apprezzati studiosi novaresi sui diversi aspetti del periodo risorgimentale e si propone di far comprendere pienamente l’importanza di quest’epoca per la crescita economica, urbanistica, sociale e culturale di Novara.

Mostra sul percorso di Novara nel Risorgimento

Sabato 19 marzo avrà luogo presso il salone Arengo del Broletto l’inaugurazione della mostra “L’Italia ricorda il 23 marzo 1849. Dalla battaglia all’Unità: il percorso di Novara nel Risorgimento”, organizzata in collaborazione con l’Unità di Missione di Italia 150 e grazie al contributo di Regione Piemonte, Fondazione BPN per il Territorio, Fondazione Comunità del Novarese Onlus e ATL-Agenzia di Promozione Turistica di Novara. Saranno in esposizione dipinti, stampe, cimeli, documenti, oggetti di estremo rilievo messi a disposizione dai musei civici, dalla nostra Associazione e da diversi privati, il tutto supportato da pannelli esplicativi di fatti, personaggi e realizzazioni fondamentali del periodo che va dalla metà ’700 al 1870. Il taglio è particolarmente originale e consentirà di scoprire tanti aspetti non sufficientemente noti della storia novarese di quegli anni importantissimi per la nascita della città quale si presenta oggi. Sarà data, poi, evidenza alla battaglia del 23 marzo 1849, quale evento centrale di portata nazionale, come richiesto espressamente da Italia 150. Una parte centrale nella esposizione l’avranno le bandiere risorgimentali di proprietà del Comune di Novara restaurate per iniziativa dell’Associaziuone Amici del Parco della Battaglia con il contributo rilevante di Rotary-Rotaract, Interclub, Consorzio Mutue e altri privati. Il restauro è stato effettuato dall’esperta in tessili Federica Schiffer di Marene (CN). Il progetto di strutture e organizzazione della mostra è dell’arch. Roberto Tognetti. I pannelli sono stati curati nella progettazione e realizzazione dalla ditta Immagina di Vanni Vallino, in collaborazione con lo Studio Marimo di Roma. Sarà disponibile un volume-catalogo con diversi brani tratti da memorie e studi sulla battaglia di Novara, curato da Interlinea. La mostra sarà aperta dal martedì al sabato dalle ore 14,00 alle 19,00, la domenica dalle 10,00 alle 19,00, il mercoledì solo per le scuole dalle 9,00 alle 12,00; lunedì chiusura. La mostra resterà aperta sino al 5 giugno.

Cerimonia Commemorativa dei Caduti

La cerimonia avrà lo svolgimento tradizionale, che prevede il corteo, la deposizione della corona d’alloro, la Santa Messa e i discorsi. Nel riquadro il dettaglio con gli orari.

ore   9,45    Raduno delle Autorità e delle Rappresentanze in Piazza della chiesa della Bicocca

ore 10,00    Formazione del corteo, con Gonfalone del Comune e Labari delle Associazioni d’Arma

ore 10,05    Posa della Corona d’alloro all’interno del Sacrario-Ossario.

                   Segue S. Messa celebrata dal Parroco di S. Maria alla Bicocca

ore 10,45    Interventi commemorativi delle Autorità e dei rappresentanti delle associazioni storiche

                   Presentazione delle cartoline commemorative

Il Sacrario-Ossario resterà aperto alle visite dopo la cerimonia e sino alla presenza degli incaricati del Servizio Musei del Comune di Novara Le tre cartoline che saranno riprodotte provengono dalla collezione di Franco Guerra. I soggetti sono stati scelti per il particolare valore simbolico: la bandiera italiana con al centro le parole ad essa dedicate da Massimo D’Azeglio, la difesa della bandiera degli ufficiali della Brigata Savona alla Bicocca; il 50° dell’Unità nel 1911.

Rievocazione storica della battaglia e del 150°

La rievocazione di quest’anno sarà speciale e farà riferimento oltre che alla battaglia del 23 marzo, alle vicende che portarono all’Unità. L’evento si svolgerà domenica 27 marzo 2011, in zona Bicocca, cascina Boriola, sui terreni in uso alla Società Ippica Novarese, nello stesso scenario della riuscitissima edizione 2009. All’iniziativa contribuisce in modo particolare con sostegno promozionale e organizzativo l’ATL della provincia di Novara.

Il programma prevede alle ore 10,30 l’allestimento degli accampamenti militari e l’addestramento delle truppe. Dalle ore 12,00 sarà disponibile il “rancio” degli Alpini (dietro versamento di un modesto contributo) a base di polenta, salsicce, salumi e gorgonzola. Alle ore 15,30 avrà inizio la rievocazione, con termine previsto attorno attorno alle 17,00.

Contiamo su una numerosa presenza di gruppi storici in uniforme piemontese e austriaca. Ci sarà la cavalleria e diversi cannoni. Ci sarà anche la musica, con marce originali d’epoca e inni suonati dalla Banda di Confienza in uniforme storica. Il parcheggio per gli automezzi è assicurato dagli ampi spazi nei pressi della cascina.

Giornata di studio su Novara nel 1861

Sabato 16 aprile, dalle ore 9,30 alle 18,30 si terrà presso la Sala Est Sesia di via Negroni una giornata di studio dal titolo “Il Piemonte che si fa Italia: 17 marzo 1861: il territorio novarese alla nascita dello Stato unitario”. Vi prenderanno parte numerosi studiosi, tra cui alcuni docenti universitari di fama, che illustreranno ogni aspetto della vita amministrativa, sociale e culturale cittadina in rapporto con le vicende piemontesi e nazionali: sicuramente un appuntamento fra i più importanti a livello regionale per la comprensione di ciò che erano realtà locale e realtà italiana nel momento dell’unificazione.

Concerto della Banda della Guardia Nazionale di Confienza

Nell’insieme delle iniziative non poteva mancare il momento musicale, dato il ruolo rivestito dalla musica nell’insieme degli avvenimenti di 150 anni fa. Sarà la Banda in uniforme storica della Guardia nazionale di Confienza, ad esibirsi in brani della tradizione risorgimentale e ottocentesca – alcuni riscoperti e riproposti per l’occasione dal m° Mauro Tappa – alle ore 16,30 di sabato 28 maggio nel cortile del Broletto.

 Tavola rotonda

L’ultimo appuntamento in programma è per venerdì 28 ottobre 2011, dalle ore 9,30 alle 12,30, presso l’Auditorium della Banca Popolare di Novara (via Negroni 11): si tratterà della tavola rotonda “Come si è fatta l’Italia?” sulla interpretazione delle vicende unitarie. Vi saranno esponenti di spessore nazionale e di sicuro richiamo per ciascuna delle contrastanti idee sull’argomento. L’iniziativa sarà rivolta specialmente agli studenti.

Nel corso dell’anno è, inoltre, prevista la realizzazione di visite guidate sui luoghi del Risorgimento e dell’’800 novarese, con la collaborazione dell’ATL.