Duro colpo inferto agli spacciatori novaresi dalla Squadra Mobile di Novara.

Condividi sulla tua pagina social

Le intense attività info investigative messe in campo dagli investigatori della Sezione Antidroga della Squadra Mobile di Novara, diretta dal Vice Questore Aggiunto Valeria DULBECCO, hanno consentito di trarre in arresto due insospettabili concittadini trovati in possesso di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti anche di natura sintetica.

Le due distinte operazioni di polizia finalizzate al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nel capoluogo novarese sono state effettuate in data 19 e 20 marzo u.s.

Il 19 marzo u.s., a conclusione di un’intensa attività investigativa ed al termine di mirati servizi di osservazione e pedinamento, gli uomini della Squadra Mobile di Novara, hanno proceduto all’arresto di B.D., di anni 33, pluripregiudicato novarese, ma non per reati in materia di stupefacenti, disoccupato, trovato in possesso di un ingente quantitativo di sostanze stupefacenti, e nello specifico, di 1.826,5 grammi di cocaina2.134,2 grammi di marijuana, di 373,8 grammi di hashish. Nel corso della perquisizione di quello che si può tranquillamente definire un “mercatino della droga”, oltre allo stupefacente, venivano, altresì, rinvenuti e sequestrati due bilancini di precisione, un apparecchio da sottovuoto e materiale per il confezionamento di singole dosi, denaro contante ritenuto provento delle illecite attività condotte da B.D. nonché banconote false.

Nel corso della seconda operazione, condotta nelle prime ore del 20 marzo u.s., gli uomini della Squadra Mobile di Novara, hanno tratto in arresto G.A. di anni 32 – incensurato novarese -. Anche in questo caso, gli investigatori si sono trovati di fronte ad un vero e proprio “campionario” di sostanze stupefacenti. La perquisizione operata presso l’abitazione di G.A. ha consentito di rinvenire e sequestrare 6.136,20 grammi di marijuana, 3.637,30 grammi di hashish1.20 grammi di sostanza stupefacente del tipo M.D.M.A.  (ecstasy), nonché 35 compresse per complessivi 16,40 grammi di steroidi, 8,30 grammi di cocaina, nonché 3 bilancini di precisione, un apparecchio da sottovuoto, materiale per il confezionamento delle singole dosi e circa 7 mila euro in contanti, denaro ritenuto provento  dell’attività di spaccio.

Entrambi gli arrestati sono stati ristretti presso la Casa Circondariale di Novara a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.