FDI, successo per l’incontro: “NOI E… GLI AMICI A QUATTRO ZAMPE!”

Condividi sulla tua pagina social
Ottima partecipazione di pubblico lo scorso giovedì (4 maggio) presso la Sala della Barriera Albertina dove si è svolta un’altra serata dedicata agli amici a quattro zampe, promossa dal Gruppo Consiliare di Fratelli d’Italia, con i Consiglieri Angelo Tredanari, Ivan De Grandis, Maurizio Nieli ed Edoardo Brustia.

Un confronto vero con un pubblico partecipe e interessato che ha esposto le proprie variegate opinioni e dato anche nuovi spunti.

Nell’incontro, che ha visto anche la partecipazione dell’Assessore Federica Borreani e dell’On. Gaetano Nastri, sono stati toccati e snocciolati temi che ruotano intorno al rapporto padrone-cane, a partire dalla raccolta delle deiezioni canine, passando per l’uso del guinzaglio, fini alle aree di sgambamento. Proprio su questi argomenti verte la mozione depositata da Fratelli d’Italia, che sarà presto discussa in Consiglio Comunale, illustrata dal Consigliere Ivan De Grandis (primo firmatario).

“Abbiamo dato il primo input per alzare l’attenzione su queste tematiche – ha spiegato il Consigliere De Grandis – entrando nel merito, Fratelli d’Italia con questa mozione, chiede di avviare quanto prima una diffusa campagna di informazione e sensibilizzazione alla raccolta delle deiezioni canine, convinti che in virtù di questa scelta si potrà migliorare la situazione di degrado che riguarda le deiezioni su marciapiedi, strade e aiuole, di installare nei luoghi più frequentati e dove ritenuto necessario, cartelli indicanti l’obbligo del guinzaglio e di creare una apposita rete di cestini e distributori di palette e sacchetti in luoghi idonei e pubblicizzati oltre che, ovviamente, di intervenire per rendere fruibili tutte le aree sgambamento già esistenti che oggi purtroppo non lo sono per incuria, inciviltà o vandalismi. Ovviamente dopo aver dato ai cittadini informazioni e strumenti, ci vorrà intransigenza a sanzionare chi proseguirà nell’inciviltà”.

Tra gli ospiti intervenuti alla serata Marco Righetti, Vice Presidente dell’Associazione L.I.D.A. (Lega Italiana Diritti Animali) sez. di Novara, che ha sottolineato l’importanza di questa mozione targata FDI spiegando: “L’uso del guinzaglio è una questione di sicurezza, per il proprietario a livello monetario (il quale dovrebbe corrispondere alla parte offesa un risarcimento), per il proprio animale un salvavita (evitare che venga aggredito da cani più grossi con il rischio di essere ucciso). E’ importante l’uso di un guinzaglio adeguato, quelli che si allungano sono un pericolo reale verso gli altri, che potrebbero non vederlo e inciampare, se non peggio”. Inoltre ha aggiunto “Raccogliere le deiezioni del proprio cane non è solo una questione di senso civico, ma anche di decoro, il pulito porta pulito, se io raccolgo l’altro proprietario si sente in dovere di fare la stessa cosa. È poi una questione di igiene, infatti le deiezioni abbandonate sui marciapiedi provocano malattie e contagi tra gli amici a quattro zampe, specie nei più deboli come i cuccioli e i vecchi, che potrebbero addirittura morire”.

Il Dottor Massimiliano Bernabei, esperto veterinario, ha poi dispensato consigli utili di prevenzione e alcune semplici tecniche di primo intervento in caso di sospetto avvelenamento, per salvare la vita agli amici animali attraverso una accurata relazione molto apprezzata dal pubblico accorso, supportata dalla proiezione di immagini e informazioni sui principali tipi di avvelenamento, sulle esche e sui “bocconi Killer”.

“Il primo intervento in caso di sospetto avvelenamento prevede un’attenta ricostruzione di ciò che è accaduto prima della manifestazione dei sintomi. Poi deve essere valutato il soggetto in ogni dettaglio al fine di portare all’attenzione del veterinario una mole di dati che potranno essere di aiuto per giungere ad una diagnosi tempestiva”- ha inoltre spiegato il Dottor Bernabei.

In chiusura l’Onorevole Gaetano Nastri: “la nostra attenzione è altissima per queste tematiche. Sono 60 milioni ormai gli animali domestici nelle case degli italiani, e se prendiamo in considerazione solo cani e gatti si parla di 14milioni di amici a quattro zampe. Numeri che raccontano il grande amore degli italiani per gli animali e che dimostrano come sia ritenuta positiva la presenza di un animale da compagnia in famiglia. Questo è molto importante perché perché questi amici non sono “cose” ma esseri senzienti. Essere senziente vuol dire avere la capacità di provare sensazioni, essere dotato di sensi, di sensibilità. E questo per chi vive il proprio “fido”, è indiscutibile.”