Igor, impresa azzurra: espugnata Bergamo dopo due ore di battaglia

Condividi sulla tua pagina social
a.s.d.volley novara

a.s.d.volley novara

Quarta vittoria consecutiva, in campionato, per la Igor Volley di Luciano Pedullà, che compie una vera e propria impresa espugnando in rimonta il PalaNorda di Bergamo dopo oltre due ore di battaglia serrata. Battaglia decisa, all’ultimo respiro, da un attacco vincente di Malesevic, entrata in corsa e grande protagonista del successo azzurro con sei punti pesantissimi e una percentuale d’attacco del 60%. Top scorer dell’incontro Samanta Fabris (25), che vince lo scontro “diretto” con la connazionale Katarina Barun (23) grande ex dell’incontro.

Lavarini (altro ex) schiera la Foppa con Barun opposta a Lo Bianco, Aelbrecht e Paggi al centro, Plak e Gennari in banda e Cardullo libero; Pedullà si affida a Fabris opposta a Signorile, Guiggi e Chirichella al centro, Bosetti e Cruz in banda e Sansonna libero.

L’avvio di match è subito serrato, con Guiggi e Chirichella che spingono in fast e Fabris che firma il primo break sul 7-8, prontamente imitata da Guiggi che “stoppa” Plak prima del fallo di Bergamo che vale il 9-12 al timeout tecnico. Aelbrecht accorcia murando Bosetti (13-14), che si rifà subito (14-16) dando il via al nuovo break azzurro (16-21, mentre Lavarini ferma due volte il gioco) che prosegue fino al muro di Guiggi che vale il set ball (17-24). Aelbrecht accorcia (19-24), Pedullà ferma il gioco e al rientro Guiggi ferma Gennari e chiude il set 19-25.

Novara riparte forte con Chirichella (0-2), poi Plak trova due ace e sorpassa 3-2 con Gennari e Aelbrecht che trovano il break del 9-6. Plak fa 12-10 al timeout tecnico, poi scappa 14-11 e sull’errore di Cruz (19-14) Pedullà prova a fermare il gioco; non cambia, però, il copione con la Foppa che tiene le distanze di sicurezza (22-20, poi 24-20) e al terzo tentativo chiude 25-22 con Barun.

Il set vinto gasa le orobiche, mentre la Igor va nel pallone e il parziale di inizio terzo set è, addirittura, di 8-0 con due muri di Frigo (subentrata nel set precedente a Paggi), mentre Pedullà si gioca la carta Bosio senza, però, che cambi sensibilmente l’inerzia del set. Fabris accorcia 9-5, Aelbrecht scappa di nuovo 12-7 e Barun trascina le sue al 21-13. Torna in campo Signorile ma Bergamo chiude di slancio con Gennari, 25-15.

Bergamo prova a chiudere i conti, Novara (con Rousseaux al posto di Bosetti) cerca di rimanere in partita e Fabris firma il primo break 3-5, prontamente ricucito dalle orobiche che sorpassano con Barun (8-7) e scappano 12-9 al timeout tecnico con il muro di Frigo. Sul 14-10 Pedullà inserisce Malesevic e la serba ha subito un grande impatto sul match, firmando il 14-11 e mandando in battuta Chirichella che, aiutata dal nastro, fa 14-14 con un servizio vincente. Guiggi sorpassa a muro (15-16), Bergamo replica (18-16) ma è ancora Chirichella, a muro su Barun, a dare l’inerzia alle azzurre (21-22). Si procede punto a punto, Malesevic si prende di forza due set ball e Fabris chiude 24-26 con un ace perentorio.

Tie-break dall’alto tasso adrenalinico, Bergamo parte 2-0 con Plak, poi Guiggi stoppa l’olandese (3-3) e Fabris sorpassa 4-5 con l’ace prima del diagonale di Rousseaux che vale il 5-7 e il primo break azzurro. Plak fa 7-7, Barun spara out e dopo un altro diagonale dell’olandese (9-8) il break decisivo è di Signorile che, dopo l’ace con l’aiuto del nastro, propizia il 9-12 di Fabris. Timeout per Lavarini, ancora Fabris fa 10-13 mentre Pedullà inserisce Bosetti per Rousseaux, con Malesevic che conquista il match ball sull’11-14. Barun a segno due volte (13-14), Frigo trova l’ace su Bosetti (14-14) e poco dopo l’errore di Fabris in attacco regala il match ball a Bergamo (15-14). Due errori delle orobiche, poi il gran maniout di Malesevic e la contesa, all’ultimo respiro, si tinge d’azzurro.

Bergamo – Igor Volley Novara 2-3 (19-25, 25-22, 25-15, 24-26, 15-17)
Bergamo
: Mori, Plak 23, Frigo 7, Gennari 8, Cardullo (L), Aelbrecht 9, Paggi, Barun 23, Lo Bianco 3, Mambelli ne, Sylla. All. Lavarini.
Igor Volley: Rousseaux 4, Bruno (L) ne, Wawrzyniak, Malesevic 6, Guiggi 13, Cruz 9, Bonifacio ne, Chirichella 12, Sansonna (L), Signorile 1, Bosetti 4, Mabilo ne, Bosio, Fabris 25. All. Pedullà.