Il cordoglio del sindaco e dell’amministrazione per la scomparsa del maestro Bruno Polver

Condividi sulla tua pagina social
comunedinovara06luglio2012

comunedinovara06luglio2012

<<Con la scomparsa del maestro Bruno Polver Novara perde un artista sensibile e generosamente partecipe della vita culturale cittadina. Una persona che ha sempre saputo donare il proprio contributo con grande generosità>>.

Il sindaco Alessandro Canelli esprime il cordoglio a nome dell’Amministrazione per  <<la perdita di un grande interprete della “novaresità” che, oltre a promuovere il nome della nostra città in Italia e all’estero esponendo le sue opere a Barcellona, Parigi, New York e Los Angeles, ha lasciato numerosi segni del suo lavoro sul nostro territorio che restano continueranno a restare sotto gli occhi di tutti. Suoi sono, ad esempio, il mosaico a intarsio ligneo nei pressi della chiesa del Monserrato di corso Cavour e quello dedicato a San Damiano presente nella chiesa parrocchiale di Fara. E suo è anche  quello intitolato “L’incontro a Novara di San Gaudenzio con Sant’Ambrogio” e donato nel 2010 al Comune, che campeggia da allora su una delle pareti dello scalone di Palazzo Cabrino. Una lunga vita, quella del maestro Bruno Polver, completamente trascorsa all’insegna dell’arte, un “matrimonio” di oltre sessant’anni che lo visto, oltre che appassionato docente e preside del locale Liceo artistico, anche promotore di circoli culturali e artistici e di esposizioni collettive che – conclude il sindaco – hanno avuto il merito di valorizzare e far conoscere al pubblico il lavoro di numerosi esponenti dell’arte contemporanea novarese>>.