Importanti risultati conseguiti dai Carabinieri di Novara

Condividi sulla tua pagina social

Un arresto dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Arona per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Nel pomeriggio del 24/07/2017 i Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Arona, hanno tratto in arresto S.G., classe 1974, dimorante in Novara poiché ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso della perquisizione domiciliare eseguita a carico del medesimo, veniva rinvenuta la sostanza stupefacente di seguito indicata, contenuta in alcuni sacchetti di plastica:
2,35 Kg di Marijuana suddiviso in 5 involucri;
0,80 Kg di Hashish suddiviso in 8 panetti;
nonché nr.1 telefono cellulare, due bilance di precisione e vari sacchetti per il confezionamento dello stupefacente.
Le indagini hanno avuto origine lo scorso 14 giugno a seguito dell’arresto di C.L., classe 1973, dimorante in Gattico, trovato in possesso di 300 grammi di Marijuana e 55 grammi di hashish. Le indagini esperite permettevano di accertare che quest’ultimo era solito cedere al minuto svariati quantitativi di stupefacente ai giovani della zona di Gattico e dell’Aronese. Considerata la quantità dello stupefacente rinvenuto, le indagini venivano veicolate allo scopo di identificare il fornitore dello stupefacente. In tale contesto veniva identificato e sottoposto ad osservazione S.L. , autista per una società di primo piano di Corriere. Le indagini effettuate permettevano di acclarare che quest’ultimo era solito rifornire gli spacciatori al minuto occultando lo stupefacente all’interno di buste sigillate con il logo della società per cui lavorava. Il medesimo era solito effettuare le consegne nel corso della sua consueta attività lavorativa su mezzi di proprietà della medesima società di Corriere. I Contatti tra le persone coinvolte avvenivano a mezzo dell’applicativo WhatsApp. L’arrestato dopo le formalità di rito è stato associato presso il carcere di Novara a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

TRECATE: Droga, ricettazione e controlli del territorio 2 arresti e tre denunce.

I Carabinieri del N.O.R.M. e quelli della Stazione di Trecate, coordinati dalla Compagnia di Novara, assestano importanti “colpi” contro la criminalità. Un indagine avviata alla fine del mese di Marzo di quest’anno, protrattasi nei mesi successivi e conclusasi solo pochi giorni fa, ha consentito ai Carabinieri della Compagnia di Novara di stringere le manette ai polsi di due persone, un novarese di 27 anni, ed un marocchino 19enne, accusati di concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo eroina e cocaina. Ad entrambi viene anche contestata la continuazione del reato. Rintracciati presso le loro abitazioni, localizzate in Vittuone, sono stati arrestati in esecuzione di un Ordinanza applicativa della Custodia cautelare in carcere
emessa dal G.I.P. Anna Maria Nutini su richiesta del Pubblico Ministero Marco Grandolfo. Gli investigatori del Nucleo Operativo, che avevano attenzionato i due giovani nel corso delle attività info-investigative finalizzate al contrasto dello spaccio degli stupefacenti in Trecate, durante le indagini avevano anche perquisito l’abitazione dei due recuperando una modica quantità di cocaina ed eroina nonché una somma in contanti di circa 1.800 euro in banconote di vario taglio: la droga ed il denaro, messi in correlazione con le risultanze degli accertamenti tecnici svolti sui telefoni e sui dati di traffico telefonico, risultavano elementi decisivi per inchiodare i due arrestati alle loro
responsabilità. Per altro, numerosi testimoni/acquirenti venivano ascoltati dai Carabinieri che, sulla base degli elementi raccolti (tra questi anche “sms” dal cui contenuto si comprendeva che l’attività di spaccio venisse anche “pubbicizzata”) , ricostruivano la rete della clientela, quasi tutta italiana di diversa estrazione sociale, individuando e ponendo fine ad un fiorente giro d’affari. Gli arrestati sono stati associati presso la Casa Circondariale di Novara. I militari della Stazione di Trecate, nel tardo pomeriggio del 25 luglio, hanno proceduto al controllo di 25 veicoli; all’identificazione di 31 persone, alla contestazione di violazione al cds per euro 849,00, al sequestro amministrativo
di un veicolo ed al controllo di numerosi esercizi commerciali. Il tutto nel corso di un servizio di controllo del territorio svolto anche con l’ausilio di militari di altre Stazioni della Compagnia Carabinieri di Novara, inviati di rinforzo. Durante la particolare attività sono stati controllati e
successivamente deferiti all’Autorità Giudiziaria tre cittadini rumeni, tutti pregiudicati, ritenuti responsabili di ricettazione in concorso. Gli stessi venivano sorpresi a trasportare a bordo di una Ford Focus merce varia (alcolici e cosmetici di valore), ritenuta di provenienza furtiva. La merce è stata sottoposta a sequestro e sono in corso ulteriori indagini finalizzate ad individuarne la provenienza.

Operazione dei Carabinieri della Compagnia Carabinieri di Novara.

Sono state circa cento le persone controllate, durante i servizi che in queste ultime due sere e notti di fine luglio i Carabinieri della Compagnia di Novara hanno svolto per garantire il rispetto delle leggi e dei regolamenti. Nel corso delle operazioni i militari hanno deferito un giovane marocchino, incensurato, domiciliato a Novara: al termine di una perquisizione personale veniva sorpreso in possesso di grammi otto di “hashish” e di una noccoliera (un tirapugni). I successivi accertamenti hanno permesso di trovare, a seguito di perquisizioni svolte sull’auto e presso l’abitazione dell’individuo, ulteriori quarantotto grammi di “hashish”. Anche l’autore del furto di una bicicletta è caduto nella fitta rete di controlli dell’Arma: si tratta di un 36enne marocchino abitante a Novara che veniva trovato in possesso di una bici rubata poco prima ad una persona, in centro città. Per furto aggravato è stato altresì deferito un 26enne di Cameri che i Carabinieri hanno scoperto quale autore della rimozione dei sigilli che erano stati apposti ad un contatore del gas, che veniva danneggiato, riuscendo così a fruire illegalmente di quasi 2000 mc di gas metano per un valore stimato in € 1.800,00 circa in danno della società erogatrice del servizio. Italiano, residente nel varesotto, l’autore di un furto su auto (durante il quale veniva rubata una carta bancomat): la carta bancomat veniva utilizzata per effettuare una serie di prelievi fraudolenti per un importo di 1.000 euro; il tutto in danno dell’anziana vittima, una donna residente a Cameri.
Durante i servizi, cui hanno preso parte diversi comandi Stazione CC dipendenti dalla Compagnia di Novara, sono stati controllati i luoghi frequentati da soggetti dediti alla prostituzione. Tali servizi, nel corso dei quali sono stati elevati dei verbali per la violazione dell’ordinanza sindacale emessa in materia, dopo le indagini che hanno consentito il sequestro di numerosi immobili sul territorio cittadino, rappresentano la “fase 2” delle attività dei Carabinieri che, sanzionando anche i clienti (sono previste sanzioni fino a 500 euro) che sostano per contrattare prestazioni sessuali, mira a
colpire il particolare fenomeno.