IVANA NESOVIC PIEGA LA FOPPAPEDRETTI BERGAMO, BECHIS… CHE CLASSE!

Condividi sulla tua pagina social
Ivana Nesovic
Ivana Nesovic

ASYSTEL VOLLEY NOVARA – NORDA FOPPAPEDRETTI BERGAMO 3-1 (25-17, 16-25, 25-20, 25-23)

Asystel Novara: Paolini 3, Bechis 2, Barun 4, Barcellini 16, Veljkovic 13, Sansonna (L), Horvath 20, Nesovic 12, Folie 3, Camera. Ne: Zardo (L), Lombardo. All. Caprara.

Norda Foppapedretti Bergamo: Ortolani 17, Nucu 10, Merlo (L), Bosetti 2, Piccinini 23, Lo Bianco 1, Zambelli 9, Vasileva 7, Fanzini. Ne: Signorile, Carrara (L), Arrighetti. All. Mazzanti.

MVP: Ivana Nesovic

Comincia con il piede giusto l’avventura dell’Asystel Volley nella Coppa Italia 2010-2011 grazie al successo interno per 3-1 contro la Foppapedretti Bergamo dell’ex Juliana Nucu (asystella per tre stagioni dal 2003 al 2006). Le asystelle conquistano così la gara d’andata, ottenendo la nona vittoria in dieci incontri disputati nel 2011, in attesa di far visita alla Foppa tra due settimane esatte, il 23 marzo, per la gara di ritorno.  In campo l’Asystel ripropone il sestetto tipo con Barun opposta a Bechis, Barcellini e Horvath in banda, Paolini e Veljkovic al centro e Sansonna libero. Per le ospiti Lo Bianco (omaggiata con due striscioni dai tifosi Asystel) in regia e Ortolani opposta, Bosetti e Piccinini in banda, Nucu e Zambelli (out Arrighetti, infortunata) al centro e Merlo libero. Il primo break è subito targato Asystel: due punti di Barun e due errori di Bergamo costringono la Foppa a giocarsi il primo time-out sul 4-0 Novara. Le squadre procedono senza scossoni fino a dopo il primo tempo tecnico quando, con Bosetti e Ortolani la Foppa arriva al pari (9-9) innescando un serrato punto a punto. Una difesa di Sansonna, concretizzata da Barcellini, da il nuovo break all’Asystel con le biancorosse che scappano dopo il timeout obbligatorio con Veljkovic e ancora capitan Barcellini (21-14 con il muro della serba su Bosetti). Il set è ormai segnato, chiude un muro di Paolini su Piccinini 25-17. Si fa serrata la lotta nel secondo set, con le squadre che procedono appaiate fino al 4-4 prima che un paio di errori novaresi favoriscano la fuga ospite (5-8) che si concretizza dopo il timeout tecnico sul turno in battuta della Zambelli (6-13, ace). Camardese cambia la diagonale inserendo Camera e Nesovic ed è proprio la neoentrata che prova a scuotere le sue con una fulminea doppietta (8-15); non è che un fuoco di paglia, però, perché Bergamo si appoggia a Vasileva (subentrata a Bosetti) e Nucu e scappa via fino al 14-24: due muri di Veljkovic e Paolini prolungano l’agonia, chiusa poi dal siluro di Ortolani (16-25). Favorevole alle bergamasche anche l’avvio di terzo set, con il primo break segnato dall’errore di Barun (2-5), sostituita nuovamente da Nesovic. Horvath prova a ricucire in attacco poi si esalta in difesa e Barcellini trova la forza di impattare 7-7 prima che un muro di Veljkovic su Ortolani (10-9) regali il sorpasso alle asystelle. Bechis manda a segno Nesovic con una combinazione spettacolare (13-11) e poco dopo la serba “spacca” il set con due ace aiutati dal nastro (16-11). Bergamo prova a rientrare con Nucu e Vasileva (19-15), ma Novara gestisce sorniona con Barcellini (strepitosa con 8 punti nel parziale, 0 errori e attacco al 75% di efficienza) e chiude proprio con un attacco in diagonale del suo capitano 25-20. Piccinini si carica la Foppa sulle spalle, ma Barcellini non è da meno e segna il primo break sul 5-3 e al primo tempo tecnico l’Asystel arriva avanti 8-6 grazie alla palletta di Horvath. Ortolani pareggia, Novara con Horvath e Folie mantiene sempre l’inerzia a proprio vantaggio ed è proprio la centrale bolzanina, con un ace, a trovare il break a metà parziale (13-11). Zambelli ricuce ancora e tocca a Nesovic siglare in diagonale il punto del 16-14, ripetendosi poco dopo sul 19-16; la serba è scatenata e con un ace trova il massimo vantaggio nel parziale sul 20-16 per Novara. Piccinini non ci sta e accorcia di potenza, Camardese prova a cambiare la diagonale inserendo Camera e Barun ma la capitana bergamasca è indomabile e l’arbitro si rivela sbadato in un paio di occasioni, finendo col favorire il contro break di Bergamo (20-21). Tornano in campo Bechis e Nesovic ed è proprio la serba, dopo il sorpasso firmato da una doppia di Lo Bianco (e da un diagonale di Barcellini) a trovare il mani-out del 24-22. Folie manda la battuta out di un soffio, ma sul pallone successivo Bechis da sfoggio di classe e coraggio e chiude, autorevole, con un attacco “rovesciato” di seconda intenzione 25-23. Esplode lo Sporting Village, sempre più fiero, al di là dei risultati, di una squadra che dimostra partita dopo partita di saper soffrire e combattere, anche contro avversari di altissimo livello come è la Foppapedretti Bergamo. Prossimo appuntamento per le asystelle domenica alle 18 a Castellanza contro il Villa Cortese per la quarta giornata di ritorno della regular season di serie A1 femminile.