La manifestazione dedicata ai vini dell’Alto Piemonte torna dal 24 al 26 marzo al Castello Visconteo di Novara

Condividi sulla tua pagina social

Mancano poche settimane alla seconda edizione dell’evento che per primo ha puntato i riflettori sulle eccellenze enogastronomiche dell’Alto Piemonte.
La manifestazione organizzata dal Consorzio Tutela Nebbioli dell’Alto Piemonte con il sostegno della Regione Piemonte, il patrocinio del Comune di Novara ed il supporto della Camera di Commercio di Novara, della Camera di Commercio di Biella e Vercelli, dell’Atl Novara, della Fondazione del Castello di Novara e di A.I.S Piemonte, si riconferma un appuntamento imperdibile per incontrare i produttori e degustare i vini del territorio.

Saranno oltre 150 le etichette in degustazione al Castello Visconteo Sforzesco di Novara, presentati da oltre 50 aziende vinicole a cui si affiancheranno circa 20 aziende del settore food, in rappresentanza delle eccellenze gastronomiche locali.

Programma e attività

Durante le giornate di sabato 24 e domenica 25 marzo, si riuniranno negli splendidi spazi del Castello di Novara, i produttori vinicoli delle quattro province di Biella, Vercelli, Novara e Verbano-Cusio-Ossola per presentare alla stampa e al pubblico i grandi vini dell’Alto Piemonte.

Attraverso banchi di assaggio e seminari tematici, a cui sarà possibile iscriversi sul sito eventbrite.it o con registrazione in loco, operatori ed appassionati di tutto il mondo avranno la possibilità di scoprire le eccellenze dell’Alto Piemonte approfondendo, grazie al contatto diretto con produttori ed esperti, la conoscenza delle denominazioni tutelate dal Consorzio: Boca DOC, Bramaterra DOC, Colline Novaresi DOC, Coste della Sesia DOC, Fara DOC, Gattinara DOCG, Ghemme DOCG, Lessona DOC, Sizzano DOC, Valli Ossolane DOC.

Sabato 24 marzo, dalle 11.00 alle 15.00 l’accesso a Taste Alto Piemonte sarà riservato agli operatori di settore, mentre dalle 15.00 alle 19.30, la manifestazione aprirà anche al pubblico. Tornano a grande richiesta i seminari, curati da AIS Piemonte, dedicati alle diverse zone vinicole dell’Alto Piemonte, (al costo euro 20,00 a persona). Il primo si terrà alle ore 17.30 di sabato 24 marzo e sarà dedicato alle denominazioni Colline Novaresi, Coste della Sesia, Valli Ossolane. I vini plasmati dal ghiaccio.
La giornata di domenica 25 si aprirà alle ore 9.00 con la premiazione del concorso Calice d’Oro dell’Alto Piemonte. Dalle 10.00 alle 20.00 operatori e winelovers potranno accedere ai banchi di degustazione di Taste Alto Piemonte e ai 3 seminari in programma. Alle ore 11.30 l’approfondimento, guidato dagli esperti di Ais Piemonte, si focalizzerà su Lessona e Bramaterra, le sabbie Plioceniche e le rocce vulcaniche, alle 14.00 spazio alle denominazioni Ghemme, Fara e Sizzano, i vini emersi dalle acque, alle 16.30 Boca e Gattinara. I vini figli del fuoco.

Parallelamente gli ospiti internazionali, operatori e giornalisti del settore, saranno coinvolti in un press tour che nelle giornate di domenica 25 e lunedì 26 li porterà a scoprire ed approfondire la loro conoscenza sul patrimonio vitivinicolo dell’Alto Piemonte

Quest’anno Taste Alto Piemonte arricchirà il suo programma di una giornata, quella di lunedì 26 marzo, dedicata solo agli operatori di settore. Dalle ore 9.30 alle 13.00, presso il Castello Visconteo Sforzesco, saranno allestiti banchi di degustazione, suddivisi per denominazione, seguiti dai sommelier di AIS Piemonte.

“È una gioia poter rinnovare l’appuntamento con Taste Alto Piemonte e riaprire le porte del Castello di Novara a migliaia di appassionati, giornalisti e operatori per permettere loro di conoscere il nostro territorio e le sue eccellenze. – dichiara Lorella Zoppis, presidente del Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte – Ritengo che questo sia un segnale importante della crescita e dello sviluppo che da anni auspicavamo per l’Alto Piemonte. Una crescita resa possibile grazie all’entusiasmo e al lavoro di squadra intrapreso dai produttori aderenti, dalle istituzioni, Comune di Novara, Camera di Commercio di Novara, Camera di Commercio di Biella e Vercelli, Atl Novara e Fondazione del Castello di Novara, dagli sponsor, Igor Gorgonzola, Enartis, Ponti, Cristina srl, Valverde, Biscottificio Rossi, Sms radio, Mercalli srl, Reale mutua e da collaborazioni importanti come quella con Ais Piemonte e La Stampa, nostro media partner ufficiale. A tutti loro vanno i miei più sentiti ringraziamenti.”

Orari di apertura al pubblico:
SABATO 24 MARZO: dalle 15:00 alle 19:30
DOMENICA 25 MARZO: dalle 10:00 alle 20:00

Costo biglietto d’ingresso:
BIGLIETTO GIORNALIERO PER PRIVATI: 15€
RIDOTTO PER SOCI AIS, FISAR, ONAV, ASPI, FIS, SLOW FOOD: 10€
(esibendo la tessera associativa)
Sul sito www.tastealtopiemonte.it sarà possibile accreditarsi ed acquistare i biglietti di ingresso e dei seminari.
L’ingresso a Taste Alto Piemonte 2018 è gratuito con esibizione di biglietto da visita e tesserino per stampa e professionisti di settore (ristoratori, enoteche e distributori)

Accesso ai laboratori/seminari su prenotazione e pagamento in loco o su www.eventbrite.it

Programma dei Seminari di approfondimento

SABATO 24 MARZO
h. 17.30-19.00: seminario di approfondimento n. 1 Colline Novaresi, Coste della Sesia, Valli Ossolane. I vini plasmati dal ghiaccio (euro 20,00 a persona)

DOMENICA 25 MARZO
h. 11.30-13.00: seminario di approfondimento n.2 Lessona e Bramaterra. Le sabbie Plioceniche e le rocce vulcaniche (euro 20,00 a persona)
h. 14.00-15.30: seminario di approfondimento n.3 Ghemme, Fara e Sizzano. I vini emersi dalle acque (euro 20,00 a persona)
h. 16.30-18.00: seminario di approfondimento n.4 Boca e Gattinara. I vini figli del fuoco (euro 20,00 a persona)

Novara si racconterà attraverso i suoi vini d’eccellenza: nelle giornate del 23 e 24 marzo, dopo il grande successo dello scorso anno, torna infatti la manifestazione “Taste Alto Piemonte”, organizzata dal Consorzio tutela nebbioli Alto Piemonte.

<<Questo appuntamento – commenta il sindaco Alessandro Canelli – è un’importante occasione per parlare non solo di vini di altissima qualità, da anni riconosciuti come pregiate Doc e Docg, ma anche di territorio e di tutti gli elementi che lo caratterizzano, tra i quali, appunto, una viticoltura caratterizzata da tipicità, tradizioni, cultura e passione per il vino. Il merito del Consorzio di tutela nebbioli Alto Piemonte è quello di aver ideato una manifestazione di successo, creando un momento di dialogo tra produttori, esperti, intenditori e anche il pubblico per valorizzare un prodotto che, ormai da qualche anno, si sta diffondendo anche tra le giovani generazioni e che non viene più considerato un semplice bene di consumo, ma apprezzato come una vera e propria passione. Proprio per questo l’Amministrazione crede nel progetto di “Taste Alto Piemonte”, vetrina per una novaresità a tutto tondo: vino è infatti territorio, cultura e luoghi storici come lo stesso castello visconteo-sforzesco che ospiterà l’importante manifestazione>>.

L’assessore alle Politiche turistiche e alla Promozione della città Valentina Graziosi rimarca dal canto suo <<l’occasione di promuovere la nostra città e il Novarese: “Taste Alto Piemonte” rappresenta infatti un’operazione di marketing territoriale di altissima qualità per il suo aspetto internazionale, aspetto che consentirà di mettere la nostra città, le sue bellezze e le terre del vino della sua provincia tra gli appuntamenti ritenuti più significativi dagli operatori del settore e dagli amanti del vino. Vini di qualità e produttori selezionati saranno infatti gli ambasciatori della nostra realtà produttiva e territoriale attraverso seminari tematici e di degustazioni e banchi d’assaggio che si alterneranno nella sede del castello in questi due giorni>>.

Il presidente della Fondazione Castello Massimiliano Atelli dichiara la propria soddisfazione <<per il fatto che il Castello sia stato scelto anche quest’anno per ospitare una manifestazione così importante per la promozione del territorio e delle sue potenzialità a tutto tondo. Questo appuntamento conferma la possibilità, in cui crediamo e per cui ci stiamo adoperando, di far diventare questo storico contenitore culturale un hub di riferimento anche per quanto riguarda l’organizzazione di eventi espositivi, dibattiti, congressi scientifici e, come nel caso di “Taste Alto Piemonte”, meeting d’impresa mirati su produzioni di eccellenza >>.