«La presentazione di Gesu’ al tempio» di Gaudenzio Ferrari: l’opera restaurata in anteprima alla Galleria Giannoni

Condividi sulla tua pagina social

“Un restauro per Gaudenzio Ferrari – La Presentazione di Gesù al tempio di Gaudenzio Ferrari dalla chiesa di Santa Maria delle Grazie a Varallo” è l’iniziativa legata alla mostra “Il Rinascimento di Gaudenzio Ferrari” che sarà inaugurata il 24 marzo.

<<Grazie alla disponibilità della Soprintendenza – spiega il sindaco Alessandro Canelli –  “La Presentazione di Gesù al tempio”, importante parte dell’affresco del giovane Gaudenzio che è stata oggetto di un recente restauro reso possibile dal contributo del Lions Club International, sarà “ospitata” per qualche giorno dalla nostra città prima di essere nuovamente ricollocata nella sede della cappella degli Scarognino di Santa Maria delle Grazie a Varallo Sesia. Sarà pertanto possibile ammirarla in anteprima dal 15 al 19 marzo nei locali della Galleria d’Arte moderna “Paolo e Adele Giannoni”, all’interno del complesso monumentale del Broletto. Un’occasione per conoscere e toccare con mano in anteprima il valore della produzione di Gaudenzio>>.

L’affresco restaurato sarà pubblicamente presentato alle 17 del 15 marzo.

Per l’occasione saranno presente anche il sindaco di Varallo Eraldo Botta e interverranno il Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Biella, Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli Manuela Salvitti, il Governatore del Distretto 108 del Lions Club international Francesco Preti e Massimiliano Caldera ed Emanuela Ozino Caligaris della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Biella, Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli.

L’affresco con la “Presentazione di Gesù al tempio” fa parte, come detto, del ciclo pittorico che decora la cappella degli Scarognino nella chiesa di Santa Maria delle Grazie: databili al 1507, <<questi dipinti – come illustra il dottor Caldera – sono la prima importante opera del giovane Gaudenzio Ferrari – il grande protagonista del Rinascimento fra il Piemonte e la Lombardia – appena tornato da un viaggio a Roma grazie al quale entra in contatto con le principali novità artistiche centro-italiane. La “Presentazione”, rimossa nel 1960 dalla parete per ragioni conservative con un intervento tecnicamente infelice, si presentava in condizioni di grave degrado e, per i danni passati e presenti, era poco leggibile>>.

La Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Biella, Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli, in occasione della mostra “Il Rinascimento di Gaudenzio Ferrari”, ha così deciso di intervenire, con il proprio personale interno, per recuperare una tra le più alte testimonianze della pittura sul nostro territorio. <<Dopo le indagini diagnostiche parzialmente eseguite dal Ccr “La Venaria Reale” – prosegue il dottor Caldera – si è proceduto al consolidamento, alla pulitura e alla collocazione su di un nuovo supporto, secondo le più avanzate tecniche d’intervento: l’opera che ha così ritrovato luminosità e limpidezza del colore, sarà ricollocata a Varallo nella cappella per il 22 marzo, data di inaugurazione della mostra gaudenziana (che sarà aperta al pubblico il 24 marzo, ndr). L’intervento è stato reso possibile dai Lions Clubs del territorio che hanno coralmente voluto sostenere l’iniziativa con un contributo economico: si è continuata così una tradizione di cooperazione tra gli Uffici di tutela e i Club di servizio per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio artistico. Alla realizzazione di questo progetto hanno generosamente contribuito anche il Comune di Varallo – proprietario della chiesa di Santa Maria delle Grazie – e il Comune di Novara che ha messo a disposizione gli spazi della Galleria “Giannoni”: il pubblico potrà così vedere da vicino la prima grande testimonianza del genio di Gaudenzio>>.