“Limite” parola chiave della manifestazione “Mettiamo in ordine le idee”

Condividi sulla tua pagina social

<<Anche quest’anno l’Amministrazione ha dato il suo pieno appoggio, attraverso la concessione del patrocinio, all’iniziativa dell’Ordine dei Medici chirurghi e odontoiatri della Provincia di Novara a dimostrazione della qualità che ha caratterizzato la proposta in tutte le sue edizioni>>.

L’assessore alla Città della Salute Angelo Sante Bongo manifesta <<ringraziamento nei confronti dell’Ordine: penso che il collaudato ciclo di conferenze “Mettiamo in Ordine le idee”, divenuto ormai un appuntamento annuale molto atteso, sia un’occasione di crescita per la città, in quanto gli organizzatori hanno sempre coinvolto figure di intellettuali e di uomini di scienza di rilievo, personaggi che da sempre riescono a coniugare cultura e sapere. Il tema scelto per l’edizione 2018, “Il limite”, è ulteriormente affascinante rispetto agli spunti di riflessione che potranno essere forniti dai relatori dei vari incontri>>.

Il presidente dell’Ordine Federico D’Andrea rimarca che <<se nel 2013 parlavamo di iniziativa nuova e originale oggi non possiamo nascondere la soddisfazione di avere creato un appuntamento atteso e apprezzato da tutti coloro che, venuti una volta, tornano… E con altre persone>>.

La rassegna prevede la scelta di un tema, di una “parola chiave di inizio secolo” che viene proposta uguale per ciascun relatore, il quale costruisce la propria conferenza in modo libero e secondo la personale competenza, fantasia e passione. La parola chiave di questo nuovo ciclo sarà, come detto, “Limite”.

<<Il nostro desiderio di mantenere una originalità di proposta – aggiunge D’Andrea – ci porta a una scelta non convenzionale degli ospiti, i quali provengono da mondi che spesso non hanno interrelazione, ma che sempre realizzano lo scopo del nostro progetto iniziale, quello di portare a casa delle idee, da mettere in ordine, naturalmente… Gli ospiti saranno ancora una volta estremamente interessanti, provenienti da “luoghi lontani” quali il giornalismo, il cinema, la letteratura, la “magia”, la filosofia. E se qualcuno si chiederà quali sono i rapporti che i nostri personaggi intrattengono con il “limite”… Avrà solamente da essere presente in sala>>.

IL CALENDARIO DELLE SERATE E I RELATORI

16 MARZO: STEFANO BARTEZZAGHI
Giornalista Scrittore Enigmista. Laureato al DAMS – Discipline delle Arti, Musica e Spettacolo della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna, tesi in Semiotica con relatore Umberto Eco. Docente presso lo IULM – Libera Università di Lingue e Comunicazione di Milano, insegna “Teorie della creatività” e “Semiotica”. Dal 2016 è direttore del Master in Giornalismo della stessa Università. Dal 1987 ha scritto su giochi, libri, sul linguaggio: collabora con il quotidiano La Repubblica con le rubriche “Lessico e Nuvole”, “Lapsus”, “Fuori di Testo”, e con il settimanale l’Espresso, con la rubrica di critica linguistica “Come dire”.

13 APRILE: GIANCARLO GROSSINI
Laureato in Psicologia. Critico cinematografico dell’ équipe di «Cinema Nuovo». Autore di numerosi saggi, con collaborazioni giornalistiche a varie testate nazionali, al Corriere della Sera dal 1985 ad oggi. Ricercatore del CNR presso l’Istituto di Storia del Cinema e dello Spettacolo dell’Università di Torino, collabora con l’Istituto di Psicologia Sociale dell’ateneo. Con “Cinema e follia-Stati di psicopatologia sullo schermo” ha vinto il premio Efebo d’Oro per la critica nel 1984. Suoi saggi sono apparsi dal 1998 al 2014 nelle pubblicazioni di “Cinema e Psicoanalisi”. Ha collaborato al volume Guida al film (Fabbri, 1979).

18 MAGGIO: ALESSANDRO BARBAGLIA
Facoltà diLettere in Università Cattolica. Dal 2006 collabora con il settimanale Novara Oggi e con Tribuna Novarese. Nel 2012 inizia l’attività di libraio a Vercelli e cura numerosi eventi culturali e rassegne letterarie tra cui  Voci di Donna, il Festival della Letteratura Femminile e Novara di Carta. E’ presidente del festival Borgate dal Vivo. Nel 2017 pubblica per Mondadori il suo primo romanzo: “La locanda dell’Ultima Solitudine” (terzo al premio Bancarella, secondo classificato al premio Asti). A maggio 2018 pubblica, sempre con Mondadori, il suo secondo romanzo: “L’atlante dell’Invisibile”.

8 GIUGNO: GIANFRANCO PREVERINO
E’ uno dei più colti e stimati prestigiatori italiani. Conferenziere, con particolare interesse per la cartomagia e i trucchi al gioco d’azzardo, ha pubblicato giochi e studi teorici in libri e riviste italiane, spagnole e statunitensi. Specializzato nella magia con le carte da gioco, è uno dei massimi esperti mondiali di tecniche dei bari nel gioco d’azzardo. Ha scritto vari libri tra cui “Il baro al poker”. Vincitore di molti concorsi italiani, è stato premiato a Londra nel più importante congresso europeo di magia (MacMillan) ed ha rappresentato l’Italia ai campionati mondiali. È apparso in varie trasmissioni televisive: Arcana (Rai Due), Masters of magic (Sky), Basta un poco di zucchero (Odeon TV). In Rai è stato consulente riguardo alle truffe, al gioco d’azzardo ed ai metodi dei bari.

22 GIUGNO: ANDREA TAGLIAPIETRA
Laureato in Filosofia all’Università Cà Foscari con lode e dignità di stampa. Professore ordinario di Storia della Filosofia all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, dove insegna anche Storia delle idee e Filosofia della cultura. Presidente del Corso di laurea magistrale in Filosofia del mondo contemporaneo. Dirige la rivista internazionale di filosofia “Giornale critico di storia delle idee”. Direttore del CRISI (Centro di Ricerca Interdisciplinare di Storia delle idee) e di ICONE, Centro Europeo di Ricerca di Storia e Teoria dell’Immagine. Nel 2004 con “La virtù crudele, Filosofia e storia della sincerità” (Einaudi) ha vinto il Premio Viareggio-Répaci per la saggistica. Nel 2013 con “Gioacchino da Fiore e la Filosofia” (il Prato) ha vinto il Premio Viaggio a Siracusa per la saggistica filosofica. Fra le sue pubblicazioni più recenti: “Zerologia. Sullo zero, il vuoto e il nulla” (il Mulino 2016); “Esperienza. Filosofia e storia di un’idea” (Raffaello Cortina 2017).

Tutti gli incontri si terranno alle 21 nell’auditorium del Conservatorio “Cantelli”.