Non ce la fa il novarese Francesco Caldara, uno dei feriti nell’attentato di Tunisi.

Condividi sulla tua pagina social

novara tunisiEra stato condotto in ospedale in gravi condizioni subito dopo l’attacco dei terroristi islamici, ma non ce l’ha fatta. Caldara è tra le prime vittime dei proiettili jihadisti in quanto colpito sul pullman nel piazzale antistante il Museo del Bardo dove, solo successivamente, gli integralisti hanno fatto irruzione seminando altro panico e morti. Il pensionato 64enne era in vacanza con la moglie a bordo della nave da crociera “Costa Fascinosa”, la signora Sonia Reddi, allo stesso modo ferita ma non in modo grave, la quale era riuscita anche ad avvisare a casa. Successivamente la brutta notizia del triste epilogo.