Novara e San Gaudenzio, l’elenco dei “Novaresi dell’anno”

Condividi sulla tua pagina social

di Simone Balocco

Il 22 gennaio per la nostra città è la data più importante dell’anno: si festeggia San Gaudenzio, il santo patrono. Nato ad Ivrea nel 327 d.C., Gaudenzio è stato il primo vescovo della città.

A “portarlo” verso il cattolicesimo fu Eusebio, futuro vescovo di Vercelli. Giunto a Novara, Gaudenzio predicò il cattolicesimo grazie anche all’appoggio di Ambrogio, vescovo di Milano tra il 374 ed il 397 d.C., che decise di dotare la città di una diocesi autonoma rispetto a Milano.

Gaudenzio divenne vescovo di Novara nel 398 d.C., mantenendo la carica fino alla morte, avvenuta nel 418 d.C. Gli successe Agabio: a oggi, Novara ha avuto centodiciassette vescovi, l’ultimo dei quali è, dal novembre 2011, monsignor Francesco Giulio Brambilla, attuale “capo” della Diocesi di Novara (che comprende le attuali Provincia di Novara, Verbania e la Valsesia, facente però parte della Provincia di Vercelli).

In memoria di San Gaudenzio, si ricorda la data della traslazione della sua salma presso l’odierna basilica con i suoi resti custoditi nello scurolo. Sopra la basilica, si erge la cupola di mattoni ad opera dell’architetto ghemmese Alessandro Antonelli, già autore della Mole di Torino, del santuario di Boca e Casa Bossi, un edificio in stile neoclassico a pochi metri dall’ingresso della basilica di San Gaudenzio.

Il 22 gennaio a Novara le scuole e molti uffici saranno chiusi o effettueranno un orario ridotto, visto che sarà una festa religiosa a tutti gli effetti.

La caratteristica principale della festa patronale sarà l’apertura straordinaria (appunto) dello scurolo nella basilica qualche giorno prima della festività solenne, dove i fedeli potranno far benedire un loro oggetto caro facendolo strofinare su un lato della tomba dove sono contenute le spoglie del santo patrono.

Importati, ma di carattere non religioso, sono le bancarelle dei marunat, i venditori delle castagne (i marroni) di Cuneo, e quelle in centro.

A causa del Covid-19, la festa patronale di quest’anno subirà forti cambiamenti: troppo alta la paura di un’impennata dei contagi visto che i festeggiamenti portano tra le vie del centro e, soprattutto, nella basilica e dello scurolo un numero elevato di fedeli. Ed infatti per la messa delle 10:30 di venerdì 22 gennaio saranno distribuiti solo 180 “biglietti” per garantire il distanziamento sociale e lo scurolo verrà chiuso con i resti del Santo mostrati ai fedeli nella navata dalla basilica. Come è annullato il corteo dei fiori dal municipio alla basilica, come non ci saranno le bancarelle sul baluardo e i marunat si conteranno sulle dita di una mano.

Un insieme di stravolgimenti per garantire a tutti la massima sicurezza.

Istituzionalmente, la festa di San Gaudenzio è importante perché ogni anno, dal 1983, il 21 gennaio, vengono premiati i tre novaresi che si sono contraddistinti per il loro impegno nell’imprenditoria, nell’economia, nello sport e nel sociale a Novara. A questi tre novaresi, scelti dalla giunta comunale su indirizzo del “Comitato per il Novarese dell’anno”, viene consegnato il titolo di “Novarese dell’anno” e, durante una cerimonia che si tiene presso il Conservatori “Cantelli”, viene loro consegnato il “Sigillum Communitatis Novariae” (il Sigillo della Comunità novarese). Possono essere premiate personalità nate e operanti a Novara o anche nate altrove, ma che abbiano fatto qualcosa di importante per la città e per la comunità novarese.

Per decisione della giunta comunale, quest’anno saranno “Novaresi dell’anno” tutte le persone che hanno combattuto in prima linea il Covid-19 tra medici, infermieri, operatori socio-sanitari e volontari avendo dato a tutti una speranza ed aiuti.

Questo è l’elenco dei premiati dalla prima edizione a quella di quest’anno:

Anno 1983
Vittorio Gregotti
Giuseppe Fortina
Lorenzo Valditara

Anno 1984
Santino Invernizzi
Umberto Orsini
Oscar Luigi Scalfaro

Anno 1985
Achille Boroli
Gianni Bolchini
Sebastiano Vassalli

Anno 1986
Adriano Bossetti
Marco Rosci
Domenico Volpati

Anno 1987
mons. Aldo del Monte
Maurizio Leigheb
Sergio Tacchini

Anno 1988
Roberto di Tieri
Dante Graziosi
Diego Raineri

Anno 1989
Marcella Balconi
Giuliano Koten
don Aldo Mercoli

Anno 1990
Enrico Geuna
Luigi Parzini
Roberto Malandrino e Paolo Maria Veronica

Anno 1991
Liberina Bellone Laria
Giovanni Pisani
Mauro Trombetta

Anno 1992
don Giannino Piana
Giuseppe Sormani
Pietro Stella

Anno 1993
Oscar Luigi Scalfaro

Anno 1994
Angelo del Boca
Giorgio Innocenti
Paolo Milanoli

Anno 1995
Paolo Beldì
Guglielmo Radice
Lino Venini

Anno 1996
Silvano Boroli

Dino Campiotti
Germano Ferraris

Anno 1997
Romolo Barisonzo
Sandrino Berutti
Maurizio Nalin

Anno 1998
Catia Bastioli
Enrico Massara
suor Nemesia Mora

Anno 1999
Paola Agradi
Simone Pedroni
Giuseppe Sironi

Anno 2000
Laura Ciceri
Romeo Robiglio
Paolo Taggi

Anno 2001
Gaetano Baviera
Giuliano Meroni
suor Giustina Zanato

Anno 2002
Marco Drago
Luciano Pedullà
suor Eugenia Rava

Anno 2003
mons. Renato Corti

Anno 2004
Domenico de Angelis

Corrado Ravanelli

Federico Rizzi

Anno 2005
Giampaolo Ferrari
Carlo Pesta
Laura Pietri Asei Ceschino

Anno 2006
Giovanni Fasola

Cesare Ponti
Donatella Sacchi

Anno 2007

Andrea Lebra
Gianfredo Comazzi
Gigi Santoro

Anno 2008

Daniela Sironi

Pier Angelo Maffioli

Roberto Drago

Anno 2009

Adriano Stefanelli

Giovanni Mairati

Mariella Enoc

Anno 2010

Carmen Manfredda

Franco Panarotto

Giovanni Mogna

Anno 2011

Franco Zanetta

Massimo de Salvo

Roberto Cota

Anno 2012

Cristina Barcellini

Ezio Leonardi

Ilaria Buscaglia

Anno 2013

Domenico Rossi

Letizia Mazzini

Carlo Robiglio e Roberto Cicala

Anno 2014

Benedetta Demartis

Fabio Leonardi

Paolo Cirri

Anno 2015

Eugenio Conti

Maurizio Comoli

Gian Giacomo Ferraris

Anno 2016

Eugenio Borgna

Eraldo Peccetti

Paolo Pellizzari

Anno 2017

Lucilla Giagnoni

Gabriele Panzarasa

Fabio Ravanelli

Anno 2018

Corrado Beldì e Riccardo Cigolotti

Francesco Pia

suor Giovanna Saporiti

Anno 2019

Tracey Pirali

Carlo Robiglio

Francesco Martelli

Anno 2020

Silvia Corona MIglio

Sergio Ferrarotti

Marco Scardigli

2021

Medici, infermieri, operatori socio-sanitari e volontari impegnati in prima linea nella lotta al Covid 19 e a tutte le persone in difficoltà durante il 2020

Elenco tratto dal sito www.comune.novara.it

Nell’immagine in evidenza, l’attrice Lucilla Giagnoni, “Novarese dell’anno 2017”. Immagine tratta da www.santalessandro.org