Novara: la Polizia di Stato arresta una rom in flagranza di furto presso un appartamento

Condividi sulla tua pagina social

Nella mattinata del 7 settembre, una volante della Polizia di Stato novarese pattugliava via Perazzi quando, notano una donna dai tratti somatici slavi che, con fare molto sospetto, si avvicina al portone di un palazzo. A questo punto gli Agenti della Squadra Mobile decidono di seguire la donna che, pensando di non essere monitorata, stava suonando il campanello al quale si trovava probabilmente per verificare eventuale presenza di persone in casa. Pochi attimi dopo gli Agenti sono intervenuti a fermare lei che, accompagnata da una minorenne, consegnava su richiesta dei poliziotti lo zaino all’interno del quale vi erano diversi attrezzi atti allo scasso. La donna classe ’99 di nazionalità serba, è stata arrestata in flagranza di furto aggravato e, a seguito di udienza per direttissima, condannata a 16 mesi di reclusione, oltre al divieto di ritorno nel Comune di Novara ordinato dal Questore, Dott. Gaetano Todaro, mentre la minorenne è stata deferita in stato di libertà. Questo risultato testimonia la grande professionalità degli uomini in forza alla Questura di Novara e, in tale specifico, un plauso alla Squadra Mobile.