Novara: la Questura sospende licenza ad un “compro oro”

Condividi sulla tua pagina social

In data odierna la Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura ha notificato la sospensione per un periodo di venti giorni al titolare della licenza di un esercizio commerciale che si occupa del commercio di oggetti preziosi, sito in Corso Risorgimento.

Il provvedimento è stato adottato dal Questore di Novara a seguito dell’attività svolta dalla locale Squadra Mobile, che ha consentito di accertare la ricettazione di oggetti che costituivano provento di reato e la conseguente mancanza di registrazione delle operazioni commerciali effettuate, come previsto dalla normativa vigente. Inoltre, dagli approfondimenti effettuati è risultato che il titolare della licenza non era nemmeno iscritta nel registro degli operatori “compro oro”.

Pertanto, le violazioni di legge accertate hanno consentito di configurare un evidente abuso dell’autorizzazione rilasciata, che ha determinato la sospensione temporanea dell’esercizio commerciale.

Infine, si sottolinea la particolare natura della licenza in questione, che qualora esercitata in maniera illegale, può costituire un utile pretesto per l’esercizio di attività delittuose.