Novara: ubriaco tenta di picchiare due pensionati al Parco dell’Allea San Luca. Breve VIDEO

Condividi sulla tua pagina social

Alle ore 18.30 circa di questo pomeriggio, presso il Parco dell’Allea San Luca di Novara, area frequentatissima da pensionati, un uomo di circa 50 anni, vistosamente alterato probabilmente da eccesso di sostanze alcoliche, si siede accanto a due pensionati che chiacchieravano tranquilli quando, improvvisamente, inizia ad inveire contro due giovani che passavano lì vicino i quali, non pensandoci due volte, lasciano la zona. Non contento prosegue follemente nei confronti degli anziani che aveva accanto. Nasce una colluttazione verbale ed i signori si alzano per allontanarsi non riuscendo a farlo con facilità in quanto dalle parole, il soggetto, passava ai fatti, spingendone uno e tentando di colpirlo con uno schiaffo. Presenti sul posto noi del blog, intenti a parlare con delle persone, interveniamo prontamente ed in modo deciso per arginare la follia del soggetto alterato, frapponendoci fisicamente tra le parti in causa, fermando verbalmente l’aggressore e consigliando ai signori di allontanarsi. Tutto si dissolve in pochi secondi, i due percorrono parte dell’Allea sedendosi in fondo, a metà strada tra la fontana ed il monumento ai caduti, mentre l’aggressore va via. Non trascorrono tre minuti e nuovamente sentiamo la voce del molestatore, percorriamo il tragitto di corsa per trovare un pensionato che cercava di tenerlo mentre lui minacciava e quasi riusciva a picchiare il malcapitato che rimaneva immobile quasi terrorizzato. Interveniamo nuovamente, questa volta puntando il criminale che ci vede e scappa, quindi, a quel punto la parte lesa chiama immediatamente il numero di emergenza. In pochissimi minuti sul posto giunge una volante della Polizia Locale che intercetta, identifica e ferma la “mina vagante”, ma pare non ci fossero gli estremi per trattenerlo. In tutto questo nessuno si è fatto male per fortuna, i passanti facevano finta di niente e se non fossimo intervenuti noi per arginare l’emergenza al momento della colluttazione, sarebbe potuta finire malissimo per quei due poveri pensionati. Ci auguriamo vivamente che i cittadini collaborino di più in casi come questo, rimanendo si in sicurezza ma almeno chiamando prontamente il 112.