Operazione contrasto reati predatori: tre arresti per furto di rame.

Condividi sulla tua pagina social

I Carabinieri della Stazione di Biandrate, alle 5.00 circa odierne, hanno tratto in arresto, con l’accusa di furto aggravato in concorso, tre persone sorprese a Galliate subito dopo aver commesso il furto di un ingente quantitativo di rame. Si tratta di tre novaresi T. R. 40enne, P.M. 57enne e P.D. 42enne, i quali, previo danneggiamento della recinzione esterna, sono penetrati all’interno di uno stabilimento sito in via Monte Grappa di Galliate per poi introdursi nel capannone industriale di proprietà di una professionista galliatese. I tre, dopo aver danneggiato i quadri elettrici, si impossessavano di numerosi cavi di rame che caricavano su una Renault Espace a bordo della quale tentavano di dileguarsi. E’ stato grazie al senso civico di un cittadino che, insospettito dai movimenti all’interno dello stabilimento, contattava telefonicamente il “112” e forniva alla centrale operativa del Comando Provinciale CC di Novara utili informazioni sul reato in atto, consentendo agli operatori della
centrale di disporre l’efficace intervento dei militari della Stazione di Biandrate che, in costante contatto radio, riuscivano ad intercettare la Renault con a bordo i tre individui. A seguito dei controlli, l’autovettura risultava carica di oltre 250kg di cavi di rame che, a conclusione degli accertamenti, venivano restituiti all’avente diritto. Espletate le rituali formalità, uno dei tre arrestati veniva posto ai domiciliari mentre gli altri due venivano trattenuti in camera di sicurezza in attesa della direttissima.