Polizia di Stato: “Operazione Stazioni Sicure” nella rete writers, ladri e viaggiatori irregolari

Condividi sulla tua pagina social

Venerdì 30 giugno scorso, si è svolta la 5^ giornata di servizi straordinari nelle stazioni del Piemonte e della Valle D’Aosta denominata “Operazione Stazioni Sicure”, promossa dal Servizio di Polizia Ferroviaria a livello nazionale.

La sicurezza, la vigilanza ed il controllo nelle stazioni ferroviarie sono obiettivi costanti per gli operatori della Polizia ferroviaria a tutela di tutti coloro che frequentano gli ambiti ferroviari, specie in questi giorni di esodo estivo.

 I controlli hanno interessato diversi scali ferroviari del Piemonte e della Valle D’Aosta,  dove gli operatori della Polizia Ferroviaria hanno effettuato controlli a viaggiatori e bagagli, sia in stazione che a bordo treno, con l’uso dei metal detector e delle più recenti tecnologie messe a disposizione dal Servizio Polizia Ferroviaria. Controllati anche i treni internazionali TGV e quelli nazionali Freccia Rossa e Freccia Bianca.

Oltre agli ordinari servizi, impegnati n. 80 operatori della Specialità nell’arco dell’intera giornata,  identificate complessivamente  430  persone,  di cui n. 140 stranieri,  9 sono state  deferite all’ Autorità Giudiziaria a piede libero.

Le stazioni interessate dai servizi disposti sono state complessivamente 24 considerando anche molte stazioni che non sono presenziate da Polfer in modo continuativo.

Nella città di Torino, l’attività si è svolta, in particolare, nelle stazioni principali di Porta Nuova, Porta Susa e Lingotto, dove è proseguita per tutto il weekend.

Lungo i binari di uno scalo di servizio di Torino Porta Nuova, è stato intercettato un minorenne italiano, intento ad imbrattare i vagoni garati in un’area deposito.

Nell’ambito dell’intensificata attività di prevenzione e vigilanza, verso le ore 13.00 gli Agenti Polfer hanno rilevato la presenza di un individuo vestito di nero che si muoveva lungo il convoglio, così che la Sala Operativa del Compartimento Polfer, ha subito inviato sul posto personale del Settore Operativo di Torino Porta Nuova. Le due pattuglie intervenute hanno fermato il ragazzo ancora nei pressi dei vagoni, un quattordicenne residente a Torino. E’ stato trovato in possesso di 4 bombolette spray, una cesoia ed una chiave inglese che sono stati sequestrati, unitamente ad altre 12 bombolette spray che sono state rinvenute dopo un’attenta ricognizione nell’area. Nella serata stessa, alla presenza del padre, è stato denunciato all’ Autorità Giudiziaria minorile per deturpamento, nonché sanzionato in quanto occupava una zona ferroviaria interdetta per cui dovrà corrispondere oltre € 500,00.

Nella stazione di Torino Porta Nuova, gli Agenti altresì sono intervenuti presso un esercizio commerciale, in quanto due individui avevano appena asportato dei capi di abbigliamento e cercavano di eludere i controlli prendendo il primo treno utile in partenza.

I due, risultati poi essere entrambi pluripregiudicati, un trentaseienne italiano di origini rumene ed un ventiquattrenne rumeno, residenti rispettivamente a Torino e Carmagnola poco prima erano stati notati mentre si accingevano a provare due maglioni nei camerini per poi guadagnare in tutta fretta l’uscita dal negozio. Allertati, dapprima da personale della Safety di Torino Porta Nuova, gli Operatori della Polfer hanno bloccato i due individui e li hanno accompagnati presso gli Uffici Polfer del binario 1, per gli accertamenti del caso. I due rom, cui è stato sequestrato un dispositivo magnetico per rimuovere la protezione antitaccheggio sono stati denunciati per furto.

 Per la Provincia di Torino i servizi si sono estesi anche agli scali di Torino Stura, Trofarello ove nei giorni scorsi un sedicenne è stato folgorato, dopo essere salito su un treno merci in deposito, Carmagnola, Oulx e Settimo Torinese.

Gli operatori del Posto Polfer di Cuneo e Bra hanno invece focalizzato i controlli nelle stazioni di Cuneo città, Bra  e Cavallermaggiore. Nella stessa provincia sono proseguiti i controlli straordinari lungo le linee del mare, posti in essere a cura del Compartimento Polfer Piemonte e Valle d’Aosta soprattutto nella stazione di Fossano,  importante nodo di transito dei convogli che percorrono le tratte ferroviarie da e per la Liguria soprattutto nel fine settimana.

Nell’ambito di attività congiunta co F.S. ed al fine di garantire un’adeguata cornice di sicurezza ai servizi nella sola serata di domenica sono stati controllati oltre 400 passeggeri, 10 sprovvisti di biglietto che sono stati regolarizzati a bordo.

Poco prima delle ore 23.00 due cittadini italiani, un trentenne ed un quarantenne residenti nel cuneese, in stato di ebrezza e con al seguito un cane privo di museruola, appena saliti a bordo treno reagivano in modo aggressivo alle richieste del Capo Treno di verifica del titolo di viaggio, per cui veniva richiesto l’intervento degli Agenti Polfer di vigilanza sulla banchina. Il protrarsi di condotte moleste ed ingiuriose ed il ritardo che intanto stavano facendo maturare al treno, particolarmente affollato per il rientro dal mare,  vanificavano i tentativi di riportare alla calma i due uomini, che venivano accompagnati in ufficio e denunciati per resistenza, oltraggio e minaccia a Pubblico Ufficiale, oltre che per interruzione di pubblico servizio. Il treno riprendeva così la sua corsa per Torino, senza ulteriori disagi.

Nella provincia di Alessandria, i controlli hanno interessato le stazioni di Tortona, a cura del personale della Sezione Polfer di Alessandria, e Arquata Scrivia e Novi Ligure a cura del Posto Polfer di Novi Ligure, senza rilevare particolari criticità.

Gli Operatori del Posto Polfer di Asti sono andati a presidiare la stazione di Castello d’Annone, potenziando i servizi in quella di Asti.

La Sezione Polfer di Novara ha effettuato mirati controlli sia nella stazione di Arona che nel capoluogo e denunciato per ricettazione due individui trovati in possesso di 4 biciclette risultate provento di furto. Gli Agenti, allertati dai colleghi del Posto Polfer di Vercelli circa due individui che con fare sospetto erano appena saliti a bordo del treno Regionale Ivrea-Novara, portando al seguito 4 biciclette, attesi gli stessi all’arrivo in stazione a Novara li accompagnavano in ufficio per approfonditi accertamenti. I due sono risultati essere un ventitreenne italiano con precedenti di Polizia, ed un diciottenne pluripregiudicato ivoriano, entrambi residenti a Vercelli. In merito alle biciclette, i due hanno tentato di giustificarne il possesso in modo fantasioso, in ultimo con  un acquisto presso un punto vendita di Vercelli, che da controlli eseguiti, è risultato essere trasferito da parecchi mesi. Le biciclette sono state quindi sequestrate in quanto di dubbia provenienza ed i due denunciati per ricettazione, nonché sanzionati in quanto hanno viaggiato a bordo del treno regionale da Vercelli a Novara, sprovvisti del regolare titolo di viaggio sia per sé che per le biciclette.

Nella provincia di Vercelli, il personale dello stesso Posto Polfer ha potenziato i controlli allo scalo del capoluogo, mentre gli Operatori del Posto Polfer di Santhià hanno presidiato la stazione di Biella.