Riceviamo e pubblichiamo: controreplica di Canelli a Ballerè sulla sicurezza di Novara

Condividi sulla tua pagina social

Riceviamo e pubblichiamo dalla Lega Nord Novara

Alessandro Canelli - Lega Nord“Il sindaco uscente e ormai senza più maggioranza, ha risposto con i consueti toni arroganti alla presentazione del nostro piano sicurezza di ieri.
Ancora una volta prendiamo atto che sia le nostre denunce sia le nostre proposte per rendere vivibile una città che vivibile non è più da 5 anni, generano reazioni scomposte e fuori dalla realtà dei fatti. Quella triste realtà che stiamo segnalando da tempo, raccogliendo le denunce della gente comune che la subisce.
Ma questo “sindaco” vive a Novara? A parte farsi offrire un caffè elettorale o cantare al karaoke, dimostra ogni volta di più di non parlare con i cittadini che quotidianamente denunciano disagio, ingiustizia sociale e casi di sovraffollamento degli alloggi, in special modo quelli popolari che sono stati assegnati ai non novaresi.
Questo “sindaco”, evidentemente, non ha mai lasciato – per esempio – la sua auto nel parcheggio di Largo Alpini dove oltre a pagare il biglietto, siamo sottoposti giornalmente alla richiesta di qualcuno che, appoggiato alla macchinetta, chiede altri soldi?
Visto che non vive nella città ma resta chiuso nel suo salotto a compiacersi di trofei e traguardi di cui solo lui ha notizia, lo informiamo noi. Siamo anche disposti a portarlo per mano a spasso per Novara e per i quartieri che in 5 anni si è ben guardato dal frequentare e che oggi sono ben distanti dalla realtà che lui immagina.
Il nostro piano sicurezza nasce dal basso, nasce dalla frustrazione della gente che è stanca di subire vessazioni, che è stufa di pagare servizi che non esistono e di avere fastidi e paura quando esce da casa propria.
Novara non solo non ha più bisogno di questo sindaco senza maggioranza, ma non ne può più dei suoi ridicoli teatrini di facciata. Per altro tutti fuori tempo massimo, un po’ come il taglio dell’erba avviato dopo le denunce dei cittadini e la nostra pronta segnalazione.”

Alessandro Canelli:

“Prendiamo atto definitivamente che il sindaco uscente è così distratto dalle passerelle elettorali (sempre e costantemente lontano da chi manifesta disagio o disappunto per la situazione disastrosa in cui versa la nostra città) da non avere più la benché minima dimestichezza coi numeri. Ha avuto il coraggio di fare allusioni riguardo la mia partecipazione alle attività del consiglio comunale: bene, in tutta trasparenza, posso affermare di essere stato presente, dal 2011 a oggi, in 95 sedute su 101. Non solo, nel quinquennio ho partecipato a 108 sedute di commissione. Per l’ennesima volta è così “narciso” e concentrato su sè stesso che perde completamente di vista la realtà dei fatti o la altera volutamente. Forse ha capito che il “count down” è iniziato? “