Romagnano: è bronzo per Amine!

Condividi sulla tua pagina social

ping-pong“C’è anche un po’ di Romagnano Sesia nel bronzo conquistato l’altra sera da Amine nei giochi paralimpici di Rio. Sono molto contenta di questo risultato e nel poter vedere tornare a casa questo ragazzo con una meritata medaglia”. Il Sindaco Cristina Baraggioni, dopo il successo di Amine, ha subito telefonato ai dirigenti del Tennistavolo Romagnano per far giungere al giovane le congratulazioni dell’intera Amministrazione. “Un successo meritato, fatto di sacrifici. La medaglia è anche il giusto riconoscimento dell’impegno dell’intera società sportiva che ha saputo, in questi anni, lavorare veramente da squadra e che è stata molto vicina ad Amine. Inoltre la storia di Amine rappresenta una bella pagina di vera integrazione. Tennistavolo Romagnano è diventata in pochi anni una società di alto livello che sta ottenendo, con i suoi giocatori, importanti successi in tutte le categorie. Romagnano può contare su un’altra eccellente società sportiva. Da parte nostra continueremo, per quello che ci è possibile, a sostenere questa giovane società che dà ulteriore lustro al nostro paese in campo sportivo”. L’amministrazione comunale incontrerà nei prossimi giorni Amine e la società per congratularsi e festeggiare l’importante successo.
“La sua avventura – raccontano gli amici del Tennistavolo sul sito della società www.tennistavoloromagnano.it – iniziò poco più di un anno fa quando grazie al suo matrimonio ha ottenuto la cittadinanza italiana e quindi la possibilità di gareggiare con la nazionale italiana. Amine ormai da cinque anni è un giocatore del Tennistavolo Romagnano, si aggregò al gruppo valsesiano cinque stagioni fa quando iniziò la sua avventura partendo dalla serie C2. Nonostante il suo livello sia sempre stato più alto della categoria C2 Amine si è sempre messo a disposizione della società e ha sempre giocato dando il 100%. Nelle ultime stagioni ha militato in serie C1 e successivamente in B2, l’anno prossimo sarà impegnato in B1 sempre con i colori del Romagnano. Amine si è presentato alle paralimpiadi come numero 16 del mondo e ha sbaragliato tutta la concorrenza arrivando sino al terzo posto coronando così il suo e il nostro sogno! È sempre stato un punto di riferimento per la nostra squadra, è sempre stato il primo ad entrare in palestra e l’ultimo a lasciarla; è sempre pronto a dare consigli a tutti e si mette sempre a disposizione della squadra. Insomma davvero un ragazzo d’oro, anzi di bronzo. Lui è il guerriero del Romagnano, è il Cassius Clay valsesiano e oggi ci ha fatto vivere delle emozioni che difficilmente dimenticheremo. Da Romagnano a Rio, sempre nel segno della vittoria. GRAZIE AMINE!”