Striscia la Notizia a Novara con il Comitato “No Musa”

Condividi sulla tua pagina social

IMG_3558Nella tarda mattinata di oggi (26 gennaio) la delegazione del Comitato “NO MUSA” ha accompagnato l’inviato di Striscia la Notizia Max Laudadio presso gli uffici del Comune di Novara.
Forte la sosrpresa tra i dipendenti dell’Amministrazione Comunale che hanno assistito al blitz del famoso tg satirico di Mediaset.
Laudadio con gli esponenti del Comitato ha incontrato e intervistato il Sindaco Ballarè, incalzando il Primo Cittadino sulle criticità del Piano della Sosta “MUSA” che tanto hanno fatto discutere nelle ultime settimane.
“Ringraziamo di cuore Striscia la Notizia e in particolare Max Laudadio e il suo staff – spiega Ivan De Grandis, portavoce del Comitato “NO MUSA” – che in pochi giorni, dopo la nostra segnalazione, si sono interessati a questo grosso problema dando una voce ancora più forte ai tantissimi cittadini che ritengono profondamente ingiusto questo piano della sosta.
Siamo certi che grazie anche all’intervento di Striscia, ci sarà l’occasione per la Città e per gli amministratori di approfondire ulteriormente il dibattito e di fare una più sana e ponderata riflessione.
Probabilmente già nei prossimi giorni il servizio andrà in onda e sarà nostra cura informare e comunicare alla cittadinanza la data esatta.
Inoltre questa mattina abbiamo depositato in Comune oltre 8.000 firme per la petizione NO MUSA, altre 2.000 per un’istanza contro l’aumento delle strisce blu e tre proposte concrete: la prima per chiedere di reintrodurre un’area di sosta gratuita adiacente al centro cittadino e due per la zona dell’ospedale, per chiedere di abbassare la tariffa oraria e di fare pagare il ticket a partire dalla seconda ora di sosta. Quindi non solo protesta, ma anche proposte concrete.
Ribadiamo ancora una volta che il Comitato è nato e rimane apartitico e cogliamo l’occasione per prendere le distanze da ogni forma di strumentalizzazione e da eventi politici organizzati targati “NO MUSA” che nulla hanno a che fare con i cittadini che hanno lavorato duramente in questo periodo”.