Truffa dei test sul Coronavirus: la nota della Croce Rossa

Condividi sulla tua pagina social

Di Alessandro Berardi

Novara – Primi sciacalli in azione in piena emergenza da Coronavirus: sono diversi i casi segnalati, di sedicenti paramedici, che effettuano gratuitamente test per il Coronavirus, con l’obiettivo, di accedere alle abitazioni private e derubare le persone.

Non c’è nessuna autorizzazione per test porta a porta: si raccomanda quindi, di non fare entrare in casa sconosciuti, ed avvisare immediatamente le forze dell’ordine.

La nota della Croce Rossa

I comitati locali della Croce Rossa Italiana, attraverso i propri canali ufficiali, hanno diramato la seguente comunicazione, al fine di mettere in guardia le persone (in particolare quelle anziane), da questi truffatori:

⚠ Attenzione ⚠
👉 Diversi comitati CRI ci segnalano una truffa telefonica su finti volontari della #CroceRossa che propongono test domiciliari sul #Coronavirus. Vi informiamo che non è stato disposto alcun tipo di screening porta a porta e invitiamo tutti a fare attenzione e segnalare eventuali casi sospetti alle autorità competenti.

📍 Per informazioni Coronavirus: 1500
📍 Per sintomi sospetti, Regione Piemonte: 800.333.444
📍 SOLO per EMERGENZE: 112
📍 Per informazioni e chiarimenti, il nostro servizio CRI Per le Persone 800 – 065510 è attivo H24.